3 dicembre 2016

Quanto eravamo repressi 3.0: dal 19 al 30 ottobre al Teatro Ghione

La commedia di Pino Quartullo è stata rappresentata a teatro la prima volta nel 1990; nel cast originale: Pino Quartullo (anche regista), Alessandro Gassman, Lucrezia Lante della Rovere (al suo debutto teatrale), Francesca d’Aloja, produttore d’allora fu Vittorio Gassman che definì l’opera “un dramma comico”. Fu subito un successo e nel 1991 divenne un film. (Un cult che divenne un caso, vietato, sequestrato e introvabile)

La commedia fu ripresa poi a teatro (in una versione di ambientazione cinese) nel 1998 con un nuovo cast: Quartullo, Chiara Noschese, Giampaolo Morelli (al suo debutto teatrale, meglio conosciuto ora come ispettore Coliandro), Federica Di Martino.

Ecco ora un nuovo allestimento teatrale con 4 nuovi interpreti giovani (nati, più o meno, quando fu scritta la commedia), bravi e belli, con la regia di Quartullo.

La commedia Quando eravamo repressi si snoda tra due camere comunicanti di un albergo, dove esplode il problema del calo del desiderio all’interno di due giovani coppie che cercano di ravvivarlo aprendosi e scambiandosi secondo una complessa serie di combinazioni.

Petra e Massimiliano, proletari scabrosi, lo fanno tutti i week-end, Federico e Isabella, sofisticati ed eleganti, per la prima volta. Il confronto tra i quattro, inevitabilmente, scatena situazioni imprevedibili, contrasti, erotismo e comicità.

“Fare scambio di partner è un tentativo estremo di salvare un amore”. 

******************************************

Orari spettacoli: dal martedì al sabato ore 21.00 – domenica ore 17.00

Tutta la programmazione sarà accessibile anche a spettatori non vedenti e sordi che, grazie al Ghione, possono da alcuni anni, vivere l’esperienza del teatro. REPLICA PER SPETTATORI NON VEDENTI O IPOVEDENTI: 23 OTTOBRE ALLE ORE 17.00