11 dicembre 2016

Fascicolo chiude in decima posizione nella graduatoria finale del GT4 European Series

L’ultimo appuntamento del 102Competition GT4 European Series, che si è disputato sul circuito di Zandvoort (l’9 e 9 ottobre) ha determinato le graduatorie finali per la stagione 2016 che hanno visto Giuseppe Fascicolo chiudere al decimo posto.

In Olanda il pilota trevigiano, che correva in copia con lo svizzero Mauro Calamia con una Maserati GranTurismo MC GT4 dello Swiss Team, ha incontrato alcune difficoltà che non gli hanno permesso di esprimersi al meglio. Problematiche che sono state affrontate in ogni round per poter ottenere il grip ottimale e quindi permettere alla vettura di essere performante. Una situazione che ha impedito, a Zandvoort, di guadagnare buone posizioni nella griglia di partenza, ma che ha costretto a rimontare nelle due prove, senza però riuscire ad acciuffare i piani alti della classifica.

Inoltre, nella trasferta olandese l’equipaggio italo-svizzero è stato costretto a scontare due drive through, uno per prova, che hanno limitato la rimonta, chiudendo 14esimi in gara 1 e settimi in gara 2. Punti che hanno permesso di chiudere il campionato a quota 69, che vale la decima piazza nella graduatoria GT4 PRO.

Giuseppe Fascicolo: “Abbiamo dato il massimo anche in questa trasferta, ma abbiamo incontrato, come sempre, difficoltà a riscaldare le gomme in ogni sessione. Si conclude così questa prima stagione in un campionato per noi nuovo: abbiamo capito che possiamo essere competitivi e se la sorte ci avesse assisto in qualche occasione, avremmo certo una classifica differente. Comunque qualche buona soddisfazione l’abbiamo ottenuta ed adesso iniziamo a preparare il nuovo anno, anche se ci potrebbe essere una sorpresa a metà dicembre con la partecipazione alla 12 ore di Abu Dhabi”.

Per rivedere le gare:

 

About Emanuele Bompadre 8294 Articoli
Emanuele è un blogger appassionato di web, cucina e tutto quello che riguarda la tecnologia. Motociclista per passione dalle sportive alle custom passando per l'enduro, l'importante è che ci siano due ruote. Possessore di una Buell XB12S è un profondo estimatore del marchio americano.