8 dicembre 2016

Coppa Italia, stagione positiva per il Lake’s Biker Team

Si è concluso domenica 2 ottobre il campionato 2016 di coppa Italia, che ha visto protagonista il Lake’s Biker Team con il pilota del “lago” Chiavari Gianluca #177 in sella alla sua Honda CBR 600. La stagione è stata un crescendo di emozioni e di risultati sino ad arrivare all’ultimo appuntamento tenutosi a Mugello, dove la squadra è stata impegnata in una doppia gara ed in palio c’era il podio nella classifica generale.

L’umore era alto, tutto stava andando nella giusta direzione tanto che nelle prove libere il pilota ha fatto segnare il primo tempo della sua griglia. Nell’unica qualifica tenutasi alle 9.45 del mattino, caratterizzato anche con un cambio gomme in pit-line, non siamo purtroppo riusciti a far meglio di una quinta piazza, quindi tutto rimandato a gara 1 delle ore 14.45 dove la parola d’ordine è VIETATO SBAGLIARE. Ci si presenta in griglia concentrati e pronti a scattare allo spegnersi del semaforo, così è stato, infatti fin da subito siamo stati veloci e tra i primi cinque dello schieramento, peccato che al quarto giro la rottura della frizione ci ha costretti ad un ritiro collezionando così zero punti per il campionato. Durante il pomeriggio si è lavorato sodo per rendere la moto operativa e performante per gara 2 in programma per domenica, ovviamente come si dice non sempre le ciambelle riescono con il buco ed infatti piove fino a circa un’ora prima dell’ingresso in pista.

Con il meccanico decidiamo di tentare il tutto per tutto ed entrare in gara con gomme intagliate, tenendo duro per i primi giri dando tempo alla pista di asciugare almeno nelle traiettorie. Il giro di allineamento è bastato a farmi rendere conto che la scelta fatta è molto azzardata, ma è quella giusta per sperare di sopperire allo zero di gara1. Si spegne il semaforo, partenza bruciante, ed alla prima curva sono terzo, buono, peccato che con le gomme intagliate era impossibile tenere il ritmo dei primi cosi, giro dopo giro, scivolo nelle retrovie. Ad oltre metà gara le condizioni della pista migliorano ed inizio la rimonta, ardua e caratterizzata da molti sorpassi, ma ormai manca poco così transito sulla bandiera a scacchi in settima posizione troppo indietro per guadagnare punti buoni per la classifica generale.

Termina così questo campionato ci coppa Italia in sesta posizione generale con un amaro in bocca addolcito soltanto dall’esultare dei miei amici e compagni di squadra per il buon tempo sul giro ottenuto.
Il bilancio stagionale è comunque positivo. Abbiamo lavorato molto per tutto l’anno trovando un feling pilota moto squadra perfetto ed anche se il ritiro alla penultima gara non ci voleva siamo competitivi, forti e determinati per la prossima stagione. Un ringraziamento d’obbligo va prima di tutto alla mia famiglia che mi permette di essere sempre presente a tutte le gare e a tutti coloro che mi seguono Marco Marcellini capomeccanico, Matteo Lisi e Luca meccanici, Stefano Castelli cuoco ed amico, Marco Ciavola fotografo, Luca e Moreno (baffo) del Canuto e per i consigli e la compagnia.

Non posso non ringraziare i miei sponsor come Massimo Marchi SPIDER per pedane e protezioni, Michele Romeo GESTOIL per i lubrificanti, METABOND Italia per gli additivi, Brenta per le pasticche freni, PZ Racing per le strumentazioni di bordo, STM per la frizione antisaltellamento, CUBICATURA Roma di Leonardo e Simona Caratelli per la cubicatura delle carene, MaxMotoArt per le grafiche della moto e del casco, X-Lite per il casco, REWIN tuta e guanti, IRC di Gianni Landro per le termocoperte e sensori cambio, Massimo CRUCIATA per le carene, Rehm racedays, SC Project, in ultimo ma non meno importanti Eva Testiccioli e Rinaldo Moi.