11 dicembre 2016

Leonessa, Civita Castellana e Palagonia animano il weekend del gusto

“Fritta, lessa, rescallata. Un piatto co’ li fiocchi: lu tartufu co’ li gnocchi”. Il suo ruggito è forte e inconfondibile, almeno quanto il gusto delle ricette proposte che richiamano ogni anno migliaia di fedeli seguaci. L’8 e il 9 ottobre Leonessa torna ad aprire le sue porte per la Sagra della patata, uno dei prodotti di punta dell’economia agricola della piana che, tanto nella varietà a pasta gialla quanto in quella a pasta rossa, è considerata tra le qualità più pregiate di tutto lo Stivale. Ad attendere i visitatori sarà un gustoso menù nel quale spiccano gli gnocchi al sugo o conditi con il tartufo, le salsicce alla brace, le patate fritte e la vera specialità della sagra, la “rescallata”: un’antica ricetta semplice e saporita a base di patate lesse saltate in padella con cipolla e pancetta. Ad accompagnare questi ottimi piatti sarà il generoso vino della zona, mentre lungo le vie di Leonessa più di centocinquanta espositori daranno vita alla grande mostra mercato dei prodotti dell’artigianato e dell’agronomia non solo locale con formaggi, miele, funghi, tartufi e salumi da degustare nel centro storico di un paese che regala ai visitatori più attenti dei piccoli tesori tutti da scoprire.

Sarà invece un grande tour enogastronomico che va dal Lazio alla Puglia, dalla Campania all’Umbria, fino alla Sicilia, quello che attende i visitatori a Civita Castellana dal 7 al 9 ottobre. E’ la magia della “Fiera Nazionale delle Sagre e dell’Agricoltura”, che per tre giorni animerà lo splendido paese in provincia di Viterbo con tantissime portate realizzate rigorosamente a mano secondo antiche ricette dei luoghi di provenienza, a partire dalle specialità locali: i “frittelloni”, delle sfogliatine sottilissime condite con pecorino e pepe, e le zuppe della Signora Ida; e se Narni proporrà il formaggio di pecora e Rignano Flaminio il latte di asina in crema, Ariccia replicherà con la sua eccezionale porchetta. Anche quest’anno saranno presenti la Sardegna con il torrone, Marta e la Tenuta Ronci con il vino, Santa Susanna con le lumache, Nepi con il famosissimo pecorino romano e Selci in Sabina con il pane casereccio; spazio anche alla solidarietà con “un’amatriciana per Amatrice”, mentre anche sul fronte dell’intrattenimento ci sarà da divertirsi con il raduno di moto, il Torneo di Burraco, spettacoli di arte varia, espositori artigiani e commercianti per tutte le principali vie del centro storico.

Riscendendo la Penisola fino a Palagonia, ecco che la capitale dell’arancia a polpa rossa in provincia di Catania diventerà per un intero fine settimana diventerà una grande vetrina a cielo aperto delle eccellenze siciliane. Ad attendere i visitatori dal 7 al 9 ottobrealla “Fiera di Belverde” saranno infatti centinaia di stand nei quali produttori e artigiani provenienti da ogni parte dell’isola presenteranno prodotti agroalimentari e manufatti artistici, proponendo anche imperdibili percorsi degustativi alla scoperta delle produzioni locali, apprezzate ad ogni latitudine per la loro originalità ed eccellenza. Numerose le numerose iniziative in programma con mostre e concorsi fotografici, giochi di una volta, esposizioni floreali e serate danzanti; sabato e domenica sarà la volta del Cooking show con degustazioni delle eccellenze del territorio, che vedrà la partecipazione dello Chef Tommaso Nobile e delle aziende di Valore Sicilia.Domenica 9 il gran finale con le animazioni per bambini, le viste guidate e la motopasseggiata al Parco Archeologico Santa Febronia, la mostra statica di moto d’epoca e l’inaugurazione della Biblioteca Comunale.

A cura di www.fuoriporta.org