Il Napoli brilla in Champions League

 

Il Napoli impone la legge del S.Paolo e supera con un perentorio 4-2 il Benfica consolidando, così,  il primato in classifica. L’inizio gara autoritario dei lusitani aveva fatto temere una serata non ideale per i tifosi deboli di cuore ma a mettere le cose a posto ci pensava il capitano Hamsik, dopo un quarto d’ora, dando inizio alla goleada che avrebbe schiantato ogni velleità dei portoghesi. Inizio deciso del Benfica che con il centravanti Mitroglou per ben due volte va vicinissimo al vantaggio nei primi dieci minuti di gioco ma prima Hysaj e poi Reina ci mettono una pezza; al quarto d’ora la svolta della partita: angolo di Ghoulam che confeziona un perfetto assist sul primo palo, Hamsik di testa anticipa tutti , insacca nell’angolo e Napoli in vantaggio. L’inizio della ripresa è un vero incubo per gli ospiti che vanno sotto altre tre volte pregiudicando definitivamente la propria gara: 51’ Mertens pennella una punizione infilando una palla a giro dal limite sinistro dell’area di rigore lasciando Julio Cesar impietrito spettatore; passano tre minuti e Milik trasforma il rigore del 3-0 per fallo del portiere che travolge in uscita Callejon. Ancora quattro minuti e Mertens arrotonda a 4-0 appoggiando in rete da due passi una respinta affannosa della difesa su Milik su cross del solito Callejon. A questo punto gli azzurri decidono di far arrabbiare Sarri mandando la concentrazione in anticipo negli spogliatoi : Jorginho sbaglia un comodo retropassaggio innestando il contropiede di Guedes che ne approfitta saltando Reina in disperata uscita e mette in rete la palla del 4-1. Non finisce qui perché all’85’ Salvio anticipa in area Ghoulam e firma il 4-2 ma è troppo tardi per coltivare un briciolo di speranza di riacciuffare una partita già abbondantemente persa. Finisce così, con il risultato di 4-2, una gara che vede un Napoli autoritario , brillante che ha imposto anche in Europa quel gioco entusiasmante che la rende la squadra più spettacolare del campionato italiano; Sarri dovrà lavorare un poco sotto l’aspetto mentale, un calo di concentrazione, come quello palesato a fine gara, non è ammissibile se si vogliono coltivare giuste ambizioni in una competizione così importante e contro avversari di grossa caratura .

loading...
loading...