8 dicembre 2016

Stato delle dismissioni del patrimonio: discussione nelle Commissioni congiunte Bilancio e Sport e patrimonio

Convocate per discutere dello stato attuale delle dismissioni del Patrimonio e dei costi della manutenzione dello stesso, le Commissioni Bilancio (presidente Manuela Mirra) e Sport e Patrimonio (presidente Carmine Sgambati) hanno incontrato oggi l’assessore Ciro Borriello, con delega alla Gestione del Patrimonio, la dirigente del servizio Demanio e Patrimonio, Natalia D’Esposito, e il dirigente del Servizio Progettazione, Realizzazione e Manutenzione patrimonio comunale, Francesco Cuccari, il presidente di Napoli Servizi Domenico Allocca.

La riunione, che si è aperta con un minuto di raccoglimento per ricordare l’ex Presidente della Repubblica Carlo Azeglio Ciampi, ha svolto un’ampia panoramica delle principali questioni riguardanti il Patrimonio comunale, un ambito, ha detto l’assessore Borriello, che coinvolge le responsabilità di più assessori e che accomuna l’esecutivo e il Consiglio.
Molte sono state le questioni poste sul tappeto dai consiglieri intervenuti che si sono concentrati su alcuni aspetti cruciali: innanzitutto la relazione tra le dismissioni e il Piano di Riequilibrio Pluriennale che in gran parte si fonda proprio sulla vendita del patrimonio (ne hanno parlato, con accenti diversi, i consiglieri Santoro di Napoli Capitale, Brambilla del Movimento 5 Stelle, Capasso di De Magistris Sindaco); in secondo luogo sulla scelta di fondo della internalizzazione della gestione, che ha comportato notevoli risparmi all’Ente, e sulla necessità di ridiscutere scelte strategiche, come quella della priorità da accordare, nella dismissione, agli alloggi dell’edilizia residenziale pubblica o agli immobili del patrimonio disponibile, oltre che sulle difficoltà operative degli uffici comunali che scontano esiguità di personale (su questo sono intervenuti i consiglieri Palmieri di Napoli Popolare, Andreozzi di Dema, Rinaldi di Sinistra Napoli in Comune a Sinistra, Esposito del PD, Lanzotti di Forza Italia); sulle urgenze costituite dalla manutenzione degli alloggi di edilizia popolare e sulle procedure per la valutazione degli immobili da dismettere (Guangi di Forza Italia e Troncone di De Magistris Sindaco).
Si è detto soddisfatto del lavoro fin qui svolto Domenico Allocca, presidente di Napoli Servizi, la società in house che, pur potendo contare su risorse esigue, rispetto a quelle attribuite al precedente gestore (che operava in regime di concessione), si è trovata a confrontarsi con problemi molto complessi, dalla necessità di accatastare oltre 25mila alloggi al dotarsi, aspetto oggi risolto, di un software in grado di gestire adeguatamente la grande mole di dati sul patrimonio (42 milioni di informazioni che erano state fornite su supporto cartaceo dal precedente gestore) e i piani di rateizzazione delle morosità; dalla necessità di garantire la manutenzione con un quarto delle risorse che aveva a disposizione il precedente gestore agli aspetti più di natura regolamentare che condizionano sia la gestione dell’arretrato sulle richieste di voltura e regolarizzazione da parte degli occupanti di alloggi ERP che quello della dismissione del patrimonio. Su questo ultimo punto, il presidente di Napoli Servizi ha insistito soprattutto in riferimento alle dismissioni degli immobili del patrimonio disponibile (non solo abitazioni ma anche altri tipi di immobili), attività sostanzialmente iniziata nella seconda metà dell’anno 2014: uno snellimento dei regolamenti potrebbe oggi rendere più facili le dismissioni di immobili ed evitare che immobili di pregio, come accaduto in passato, siano venduti a prezzi molto bassi rispetto al valore effettivo dopo la terza asta prevista. Una novità, comunicata oggi alle Commissioni, è l’avvio delle perizie per la vendita di 247 immobili, divisi in 22 lotti, per un valore di mercato stimato in 60 milioni di euro.
Sull’aspetto della semplificazione della regolamentazione del Patrimonio, la dirigente D’Esposito ha comunicato che è attualmente al vaglio degli assessori competenti una proposta di modifica, che arriverà poi al Consiglio per la decisione, frutto di un lavoro iniziato nella scorsa consiliatura sulla base delle difficoltà riscontrate nella concreta gestione del patrimonio.

Alfredo Di Costanzo
About Alfredo Di Costanzo 5987 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.