9 dicembre 2016

“Jason Bourne” regia di Paul Greengrass

Di Jason Bourne ce n’è uno (tutti gli altri…)

Jason Bourne come James Bond? No, davvero. Due razze diverse, seppur allevate nello stesso territorio di caccia: quello delle spie. Jason cerca di ricostruire il proprio passato, James sa fin troppo bene chi è. Jason è da poco che sa di chiamarsi Jason Bourne. James è sempre stato cosciente, Jason vive stati di alterazione della coscienza, memorie che non sa collocare nel tempo. Lui è il reietto tradito dallo Stato che lo etichetta come traditore, James Bond, al contrario, è inodassibilmente fedele a se stesso e allo Stato. Sin dal primo film, “ The Bourne Identity” (del 2002, regia di Doug Liman) seguito da “The Bourne Supremacy “ (del 2004,per la regia di Paul Greengrass)e quindi da “The Bourne Ultimatum” (2007, sempre con la riuscita regia di continuità di Paul Greengrass) fino a “The Bourne Legacy” (2012,con la regia di Tony Gilroy), J. B. soffre di amnesia, causata da una sostanza chimica introdotta nel suo cervello.  L’agenzia di spionaggio che lo coaptato presso le sue fila – dopo averlo usato in realtà meramente come killer in varie missioni di morte – ha manipolato la sua memoria, affinché non ricordi più nulla di ciò che lo ha trasformato in una cieca macchina da guerra. Nella “saga“ di Bourne, la memoria dello spettatore è invece sostenuta da una sceneggiatura di ferro che viaggia da sola; ci possono essere nuovi interpreti per nuovi personaggi, variazioni dell’intreccio, ma il tema è sempre quello: la caccia a un fuggiasco! J.B. è declassato da supereroe dello spionaggio a fuorilegge, secondo regole non scritte, che ricordano molto il selvaggio West ma anche semplicemente la leggenda Robin Hood. Jason non si fida di nessuno, cammina velocemente, sempre: lui sa, dove andare, cosa fare, passo dopo passo, un maratoneta ancora a volte killer ma per amore della verità o per lomeno della ricerca di una fedeltà . Jason, nel suo, è inarrestabile. Non ammette nessuna mancanza, che può essere qui ineluttabilmente e banalmente fatale, nessun default. Dal secondo film della saga in poi – “ The Bourne Supremacy” – non è più “solo”: le inquadrature alternano i movimenti di J. B. e quelli dei “cacciatori”, che usano le tecnologie più sofisticate per spiare i suoi movimenti tramite satellite. Nel film “Jason Bourne”, l’agenzia di spionaggio che si occupa del caso è di stanza in Virginia dove la giovane e ambiziosa 007 Heather Lee, affianca il capo Robert Dewey, nemico giurato di Bourne . “Bourne? Jesus Christ, ancora vivo?” Era stato dato per morto, ma il nostro, aveva assunto diverse identità per sfuggire alla cattura. Dov’è la scheggia impazzita ora? Si chiedono tutti. Dov’è Il kamikaze creatura della Cia ? La giovane agente Heather si sbilancia: “Vi consegno Bourne”. Accipicchia che talento! Per non sbagliare il capo Dewey fa entrare  in azione l’agente eliminatore Asset che si presenta così: prima di andare in missione spara a un “prigioniero” nella vasca da bagno, applicando, con non chalance la “licenza di uccidere”.

Ad Atene, J. B. combatte a mani nude come un antico boxeur, attorniato da allibratori scatenati. Poi una dissolvenza ci riporta all’immagine tipica del nostro davanti allo specchio, che si scruta il volto a lungo per recuperare frammenti di memoria. L’agente Nicky  Parsons dà un appuntamento a J. B. a piazza Syntagma. Ecco che riparte il maratoneta, esce dal vagone metro e si getta tra la folla. L’inquadratura si allarga e scopriamo che J.B. e tutta la piazza sono osservate dalla postazione Cia, in particolare dalla bruna giovane agente ambiziosa Heather: lacrimogeni per una manifestazione in corso, scontri con la polizia. L’agente eliminatore Asset è in collegamento con la sala in Virginia e riceve gli ordini. ”Prima che ti unissi al programma, ti seguivano.” dice a Jason la bionda Nicky. Dal comando il capo Dewey ordina di colpire, ovviamente a morte.

Prima battuta di caccia.

J.B. sale in moto con Nicky (ma potrebbe benissimo essere un cavallo) passando tra manifestanti e vicoli. Il cattivo eliminatore Asset si piazza da buon cecchino sul tetto di un palazzo, per beccare meglio i due fuggitivi.

La bruna agente ambiziosa Heather dalla Virginia calcola i secondi all’impatto tra il cecchino Asset e J.B. + bionda. Partono i colpi di fucile e i due cadono: lei è ferita e sta morendo, lui riesce a prendere un bussolotto dalle mani della donna. Sappiamo che quel bussolotto contiene dei files con nomi, date e prove schiaccianti di fattacci, perché la Heather moritura li ha già fatti vedere al pubblico in una sequenza precedente. Delitti impuniti, in nome di un programma segreto in cui J.B. è coinvolto e questo in cuor suo lo sa! Il cecchino Asset è imbufalito perché non è riuscito a uccidere la preda che, dal canto suo, riprende a fare il maratoneta: s’imbatte nella solita cassetta postale, che apre per scoprire qualcosa di nuovo. Vi è un taccuino, vi sono nomi sottolineati, importanti per ricostruire il puzzle. J.B. ora è soprattutto l’investigatore di se stesso. Fa lo Scherlock e il Watson della situazione, allo stesso tempo. Irrompe un flashback sfocato, il volto di un uomo che parla con J.B. poi segue un’esplosione. Chi è quell’uomo? Lo scopriremo poi. Il ritmo filmico, fin qui scandito da Jason, s’interrompe bruscamente. Inquadratura di una sala convegni dove il genio Aaron presenta un nuovo gioiello informatico: una “app” capace di spiare tutto e tutti! Il capo Dewey vuole assoldare Aaron, anche se il programma viola la legge: alla faccia della privacy e degli emendamenti americani. Intanto J.B. incappucciato incontra un eternauta assoldato dalla Cia ma che aspira al controspionaggio e gli fa visionare i files contenuti nel bussolotto. Ma non sono soli (…e ti pareva…): la bruna   ambiziosa agente Heather riesce a scovare la linea telefonica  attraverso il satellite. J.B. scorre i files, come farebbe Assange il fondatore di “WikiLeaks”, vede foto e legge nomi, ma poi la luce salta! Solito flashback con sequenza sfocata e una voce che dice: ”Figliolo hai fatto qualcosa anche tu”, poi l’esplosione. J.B. torna in sé e si mette a fare a botte con l’eternauta. Alla fine la bruna Heather chiama al telefono Bourne e i due si parlano, per la prima volta. “Vedo che hai visto il programma lascia che ti aiuti.” Io ti salverò?.. Vedremo. C’è un modo di catturare J.B. vivo, e lei vuole incontrarlo.

Seconda battuta di caccia

Stavolta il cattivo eliminatore Asset gioca nello stesso campo della bruna agente Heather. Al cattivo piacerebbe molto essere il Victor eliminatore di “Nikita” (1990, per un mordace Luc Besson) perché dove passa semina morte, ma non basta…. Va su un tetto per beccare di nuovo J.B. che ne fa una delle sue: manomette il sistema antincendio dell’ intera zona commerciale per creare confusione e distrarre i suoi inseguitori e risalire la corrente umana come un salmone fa col fiume. Cerca vendetta, la troverà? Finale aperto tipico delle saghe. E il maratoneta riparte. Grazie comunque J.B., ti fai davvero sempre seguire!

Titoli di coda

Jason Bourne  Matt Damon/Heather Lee   Alicia Vikander /Nicky Parsons Julia Stiles/Robert Dewey Tommy Lee Jones/Asset Vincent Cassel/Aaron Kallo Riz  Ahmed /Sceneggiatura Paul Greengrass, Christopher Rouse/Fotografia Barry Ackroyd Montaggio Christopher Rouse /Regia  Paul Greengrass.

 

 

Maria Chiara D'Apote
About Maria Chiara D'Apote 63 Articoli
Laureata in Lettere presso il Dipartimento di "Italianistica e Spettacolo "della Università "La Sapienza di Roma". Si occupa da anni di Teatro,Cinema,Poesia,Pittura. Dal 1986 fa insegnamento Primario e Didattica dello Spettacolo per bambini, in una visione olistica,sistemica, dell' Essere Umano. Ha pubblicato articoli sul quotidiano socialista Avanti! (avantioline). Dal Gennaio 2016 scrive sul giornale  Il Tabloid, pubblicando articoli nella rubrica Cinema e Spettacolo.