10 dicembre 2016

L’euro è il problema dell’Europa

Il Fondo Monetario Internazionale si sveglia dal torpore. Dopo aver fatto danni incommensurabili all’interno dell’assetto istituzionale chiamato Troika, scopre che lo strumento della moneta unica è il principale sintomo del malessere europeo. In particolare, chiamando le cose con il loro nome e cognome, l’FMI pubblica uno studio ufficiale, l’External Sector Report per il 2016. Un documento che mette le cose in chiaro: la Germania ha una moneta sottovalutata per la sua economia (per almeno il 15%) che sta distruggendo l’equilibrio dell’Europa. È quello che il Movimento 5 Stelle va ripetendo da anni, appoggiato da diversi grandi economisti come Peter Oppenheimer e Jaques Sapir, solo per due nomi, ospiti ai convegni organizzati dal M5S al Parlamento europeo. Il paper del Fondo Monetario Internazionale altro non fa che esaminare i risultati macroeconomici delle 29 principali economie del mondo, in funzione del loro saldo commerciale estero.

Si evince che il mondo può essere diviso in due aree (da vocidall’estero.it): da un lato i paesi con surplus esterni, dall’altro quelli che registrano deficit nella bilancia dei pagamenti. Da qui l’FMI analizza le variazioni dei tassi di cambio che sarebbero necessari per riequilibrare i conti. In altre parole, una svalutazione per chi è in deficit e, al contrario, una rivalutazione per chi è in surplus. Questo confronto tra i due blocchi si può ridurre in realtà a quello tra sette grandi giocatori. Da una parte due paesi in forte deficit. In primo luogo gli Stati Uniti, la cui bilancia dei pagamenti è stata in rosso per un ammontare di 473 miliardi nel corso degli ultimi dodici mesi, addirittura il 2,6% del PIL del paese nel 2015. E poi il Regno Unito, in deficit estero di 162 miliardi di dollari, pari al 5,2% del PIL del Regno Unito nel 2015. Poi ci sono i Paesi in surplus: Cina (285 miliardi di dollari, 3% del PIL nel 2015), Giappone (159 miliardi di dollari, 3,4% del PIL) e Corea del Sud (105 miliardi, 7.3 % del PIL). A questi si aggiungono due paesi europei, la Svizzera (72 miliardi di dollari di surplus, 9% del PIL nel 2015), ma soprattutto l’Eurozona, che è il campione del mondo in tutte le categorie: i 19 paesi che ne fanno parte, presi insieme, registrano nei confronti del resto del mondo un surplus nella bilancia dei pagamenti di 392 miliardi di dollari, pari al 3,2% del PIL.

All’interno dell’Eurozona è la Germania a spostare in attivo, in modo decisivo, la bilancia dei pagamenti. Si parla di addirittura 306 miliardi di surplus per i tedeschi, pari all’8,5% del PIL. Oltre a queste disparità finanziarie nei conti con l’estero rispetto agli altri membri dell’Eurozona, anche le disparità nei tassi di disoccupazione e di crescita giocano a favore della necessità di una variazione del tasso di cambio. Solo che, naturalmente, questo è impossibile a causa dell’esistenza dell’Euro. Come abbiamo più volte spiegato, il surplus tedesco sta spezzando in due l’Unione Europea e la moneta unica è il cappio tramite il quale questo stato di cose non è modificabile. Ancora, se il surplus tedesco viola i trattati e divora le economie del Sud, è palese che la soluzione non sia l’imposizione dell’austerità a Stati come Grecia, Spagna o Italia. E’ attaccando il primo vincolo (un vincolo di cambi fissi, cioè l’Euro) che il castello di carte può crollare. Sapete invece qual è l’altro sistema per deprezzare una valuta? Tagliare i salari svalutando il mercato del lavoro.

Marco Valli, portavoce M5S in Europa: “I vari capi di Stato (in particolare il nostro Premier non eletto) devono smetterla di difendere religiosamente la moneta unica. Bisogna sedersi a un tavolo e decidere se risolvere il problema con una vera integrazione, dove la Germania sarà più solidale, o con un ritorno concordato alle monete nazionali, prima che questo avvenga in modo disordinato o, peggio, si arrivi ad un’Europa di governi estremisti. Il Movimento 5 Stelle non vuole il caos in Europa: quando sarà legittimamente al Governo si batterà per cercare di salvare l’unità europea, portando sul tavolo l’enorme problema della moneta unica e il suo possibile smantellamento. Rimaniamo convinti, assieme a grandi economisti e numerosi premi Nobel, che l’Euro ed i vincoli ad esso collegati stiano distruggendo le economie periferiche, aizzando la crisi sociale e bloccando la ripresa economica. Il tempo del cambiamento non può attendere altri 20 anni. Il senso di responsabilità politica verso gli italiani – qualora decidessero di recedere dall’Eurozona – ci ha portato ad essere pronti nel gestire eventuali scenari di rotturadella moneta comune“.

Fonte: beppegrillo.it

Alfredo Di Costanzo
About Alfredo Di Costanzo 5990 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.