4 dicembre 2016

La Commissione Cultura sul protocollo tra Museo Archeologico e Comune di Comacchio

Sarà organizzata il prossimo 1° settembre una riunione della Commissione Cultura, presieduta da Elena Coccia, una riunione dedicata al protocollo con il quale il direttore del Museo Archeologico Nazionale, Giuliarini, ha fissato i termini per il prestito (per due anni, rinnovabili) di alcune opere, attualmente nei depositi del Museo napoletano, al Comune di Comacchio il cui museo, Palazzo Bellini, di prossima apertura, organizzerà mostre allo scopo di qualificarsi come museo gemellato con Napoli.
Alla riunione saranno invitati il direttore Giuliarini e gli assessori Piscopo (Beni Comuni) e Daniele (Cultura) insieme ai rappresentanti di due delle associazioni che hanno promosso una petizione per scongiurare il rischio che il Museo napoletano perda del tutto queste opere che sono reperti di Ercolano, Pompei e Oplonti, e cioè l’associazione Ram (Rinascita Artistica del Mezzogiorno) e l’associazione Piazza Carlo III e Ponti Rossi. Le associazioni hanno anche avanzato, in alternativa, l’idea di allocare le opere in deposito al Museo a Palazzo Fuga. Si tratta, ha detto in proposito la presidente Coccia, di una ipotesi che va verificata alla luce dei progetti già decisi per Palazzo Fuga e, più in generale, occorre ampliare la discussione sui beni culturali in un orizzonte metropolitano. In questa ottica, con il coinvolgimento dei comuni dell’area interessata, è stato scongiurato il progetto di collegare direttamente gli Scavi di Pompei a Roma, saltando non solo i siti archeologici di Ercolano e Oplonti, ma anche lo stesso Museo nazionale che è il più grande contenitore di opere dell’arte classica romana e greca.
Alla riunione è intervenuto anche l’ex consigliere Antonio Luongo, che è stato tra i protagonisti della mobilitazione che lo scorso 4 agosto ha portato ad una catena umana di cittadini intorno al Museo per scongiurare rischi di “scippo” del patrimonio archeologico e artistico napoletano. Nel corso della riunione odierna, anche i consiglieri Solombrino (La Città), Caniglia (Verdi Sfasteriati) e Menna (Movimento 5 Stelle) hanno sottolineato la necessità che le opere del patrimonio artistico classico siano rese fruibili nel territorio di origine e che, anzi, con opportune iniziative, si creino occasioni per lo sviluppo del territorio nel quale, come ha sottolineato la presidente Coccia, esistono anche musei chiusi, due nella sola Ercolano, una situazione che va superata nell’ottica di progetti integrati e di musei diffusi che valorizzino il nostro patrimonio.

Alfredo Di Costanzo
About Alfredo Di Costanzo 5930 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.