3 dicembre 2016

Moto2: Zarco fa sua anche l’Austria

Johann Zarco della scuderia Ajo Motorsport vince il GP d’Austria con una prova di forza che lo rende sempre più dominatore della categoria, secondo gradino più alto del podio consecutivo per il pilota di Cannes. Franco Morbidelli, team Estrella Galicia 0,0, comanda per diversi passaggi dopo una grade partenza dalla prima fila ed è secondo. Alex Rins, Paginas Amarillas HP 40, sale sull’ultimo gradino del podio. Quarto Tom Luth, portacolori Garage Plus.

La gara austriaca si apre con il meteo favorevole, il sole splende sul tracciato di Zeltweg e il migliore del warm up è stato proprio il corridore transalpino. La griglia di partenza è comandata dal leader della classe affiancato dal pilota romano del team Estrella e da Luthi.

Le condizioni climatiche buone e la temperature alte di hanno contribuito in modo determinate alla scelta delle gomme, Dunlop medie davanti e dure dietro per i protagonisti della classe intermedia. Si spegna il semaforo e parte bene Morbidelli che prende subito metri di vantaggio, dietro c’è Zarco che domina il gruppo degli inseguitori davanti a Marcel Schrotter, pilota AGR team e partito dalla quarta piazza. A seguire Luthi e Rins che perderà posizioni ma recupererà nel finale. Ad impressionare è l’avvio del compagno di box del romano, Alex Marquez dalla quinta casella è negli scarichi del collega di team. Il duo Marc VDS comanda le fasi inziali dei gara.

Zarco, in quinta posizione, non sembra subire il passo degli avversari e attacca Luthi avendone la meglio, ora è quarto dietro a Schrotter. Il pilota di Landsberg attacca e sorpassa Marquez e si mette all’inseguimento di Morbidelli mentre lo spagnolo perde posizioni ed è sesto, probabili problemi meccanici per lui mentre cade Jonas Folger, Dynavolt GP. Come Sam Lowes, Federal Oil Gresini che è vittima di due fuori pista ed è costretto al ritiro.

Il romano continua a spingere e guadagna sul pilota AGR Team. Terzo è Luthi poi Zarco. Gli altri italiani: Simone Corsi, Speed Up Racing è all’undicesimo posto davanti a Mattia Pasini, team Italtrans. Luca Marini e Lorenzo Baldassarri, corridori Forward Racing sono nono e ventiduesimo.

Il gruppo di testa si stacca dagli inseguitori e nella scia di Morbidelli restano Schrotter, Luthi e Zarco con il francese che sembra avere qualche cosa in più rispetto agli avversari. I quattro si giocheranno la vittoria finale e il transalpino risale fino al secondo posto dopo alcuni giri

Incidente senza conseguenze tra Corsi e Hafizh Syahrin del team Petrionas GP alla curva tre mentre dal quarto posto guadagna terreno Rins. A meno dodici giri dalla fine il pilota catalano è in vista di Schrotter che chiude il quartetto di testa.

Il leader della classifica si mette al comando della gara quando mancano dieci giri al termine, Morbidelli è secondo ma perde una posizione subendo l’attacco di Luthi alla curva 3 e Rins mette nel mirino Schrotter preparando l’attacco alla quarta piazza. In staccata alla curva tre ha la meglio sul pilota AGR Team mentre Morbidelli prova a studiare la riconquista del secondo posto mentre Zarco ha diversi metri di vantaggio e conduce con oltre 1.4s sul pilota svizzero.

Battute finali, Zarco sembra ormai lontano mentre la lotta per il secondo posto è aperta. Luthi è tallonato da Morbidelli che prepara l’attacco decisivo. Ci prova a ma lo svizzero recupera. Della lotta tra i due potrebbe beneficiare Rins. È l’ultimo giro, secondo tentativo del romano alla curva tre, lo svizzero cede e va largo aprendo la porta al pilota di Barcellona. Zarco vince con 3.058s di vantaggio su Morbidelli, terzo è Rins con Luthi giù dal podio. Per l’italiano è il secondo podio della stagione e il miglior piazzamento nella classe. Gli altri piloti tricolore, Baldassarri ottavo, Pasini tredicesimo e Marini diciassettesimo mentre Corsi è costretto al ritiro.

Con la gara austriaca si rafforza il primato del pilota francese che ora è a 176 punti con cinque vittorie stagionali, Rins rimane secondo a 142 punti con Lowes, a 121 lungehezze iridate, che subisce una battuta d’arresto nella corsa iridata.

Fonte: motogp.com

Alfredo Di Costanzo
About Alfredo Di Costanzo 5925 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.