Rossi: “Il terzo posto della griglia di partenza va bene”

epaselect epa04883339 Yamaha MotoGP driver Valentino Rossi of Italy is seen in his team's box during the second free practice session of the Motorcycling Grand Prix of the Czech Republic at Masaryk circuit in Brno, Czech Republic, 14 August 2015. The Czech MotoGP race will take place on 16 August 2015. EPA/FILIP SINGER

Terzo tempo per Valentino Rossi nelle qualifiche del GP di Germania. Dopo delle prove libere del venerdì non facili e caratterizzate dalla pioggia e dal freddo dove il numero 46 del team Movistar Yamaha è sembrato rallentato, il sabato mattina si apre con una buona FP3. Nelle terza sessione di libere Rossi è quarto e dimostra di aver migliorato di molto la sua M1, la conferma delle buone condizioni di questa parte di box Yamaha arriva con le qualifiche. Il Dottore mette a referto il crono di 1:21.666s riuscendo a tenere il passo non solo della Ducati Avintia di Hector Barbera ma attestandosi a quasi mezzo secondo dalla pole di Marc Marquez, pilota HRC.

Valentino Rossi: “Ieri le condizioni della pista erano peggiori, non riuscivamo a spingere e stare davanti era anche pericoloso. Questa mattina quando mi sono alzato ho notato con piacere che le condizioni climatiche erano migliorate. La giornata di ieri non è stata totalmente da dimenticare anzi, mi è servita per capire su cosa lavorare e i miglioramenti da fare in vista delle qualifiche. È un grande risultato essere in prima fila della griglia di partenza. Rispetto a ieri ho trovato maggior feeling con lo pneumatico davanti. Purtroppo però con la seconda gomma sono rimasto bloccato nel traffico e avrei potuto migliorare il mio tempo ma in generale mi sento bene in sella. Abbiamo anche fatto delle piccole modifiche ulteriori nella pausa di mezzogiorno che mi hanno reso ancora più veloce; peccato per la seconda posizione ma la terza posizione sulla griglia di partenza va bene”.

Fonte: motogp.com

I video del giorno

Alfredo Di Costanzo
Informazioni su Alfredo Di Costanzo 9386 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.