8 dicembre 2016

I mercati europei ancora estremamente deboli

Le note positive, che hanno attutito i sobbalzi del dopo Brexit, si sono spente in seguito all’attentato di Nizza e al fallito golpe turco. Gli eventi del 14 e 15 luglio non hanno però fatto crollare le Borse

Sono deboli ma non danno segni di cedimenti estremi. Dopo il calo, e le sabbie mobili che hanno coinvolto le piazze finanziarie europee i giorni successivi al voto sulla Brexit, i mercati Ue sembrano aver incassato due duri colpi alla stabilità.

L’attentato di Nizza, giovedì 14 luglio, e il fallito golpe in Turchia, venerdì 15, oltre ad aver messo in evidenza le tante incertezze geopolitiche del vecchio continente, hanno creato notevoli tensioni ma non tali da far crollare miseramente le borse Ue.

Gli esperti restano in stand by ed osservano con attenzione la reazione dei mercati.

Dopo l’impatto, causato dal referendum in Gran Bretagna, le Borse europee hanno recuperato in parte la loro capitalizzazione.

Dai minimi messi a segno nel dopo Brexit le piazze finanziarie europee hanno incrementato i listini un po’ in tutti i paesi.

Piazza Affari al pari di Madrid ha segnato numeri positivi con un guadagno pari a 43,2, mentre in Spagna la ripresa ha consentito di rifarsi di una cifra più consistente ovvero 60,2 miliardi.

La ripresa di Francoforte è ancora più decisa, schizzata a 121,2 miliardi, mentre Parigi è volata a 148,8.

Nonostate le note positive i mercati restano deboli.

La Banca d’Inghilterra (BoE) dopo il referendum ha affrontato la politica monetaria con due strumenti specifici ovvero i tassi di interesse ed un programma di acquisto di asset.

Gli analisti di Oanda ritengono che “lo scenario più probabile sia quello di un taglio dei tassi di 25 punti base e di un nulla di fatto sul piano di QE”.

Gli analisi IG ritengono che il governatore della BoE, Mark Carney, possa tendere altre frecce  al  proprio arco “Carney ha intenzione di mettere nella propria cassetta degli attrezzi ulteriori strumenti per allentare la politica monetaria, soprattutto nel caso in cui la situazione in UK dovesse irrimediabilmente peggiorare”.

Dopo l’attentato di Nizza, e il fallito colpo di Stato in Turchia, dai mercati finanziari arriva la convinzione che la Banca centrale europea varerà nuove misure in grado di sostenere l’economia, messa a dura prova dal referendum incentrato sulla Brexit.

I primi segnali potrebbero addirittura arrivare a stretto giro di posta. Giovedì 21 luglio è stata messa a calendario la riunione del Consiglio direttivo della Banca Centrale Europea (BCE), appuntamento che potrebbe garantire novità e stimoli interessanti per il mercato, grazie al varo di misure specifiche  studiate a sostegno dell’economia dopo i sobbalzi causati dal referendum sulla Brexit.