10 dicembre 2016

Regione Lazio, Santori, FDI: “PD boccia mozione a tutela dei pensionati, Zingaretti connivente delle truffe di Renzi”

La maggioranza di centrosinistra boccia la richiesta di restituzione dei rimborsi dovuti agli oltre 5 milioni di pensionati coinvolti.
“Con la bocciatura della mozione presentata dal sottoscritto per dare piena ed effettiva esecuzione alla sentenza della Corte Costituzionale n.70/2015, che prevede la restituzione degli importi maturati per effetto del ripristino della rivalutazione automatica dei trattamenti pensionistici per gli anni 2012 e 2013 ad oltre 5 milioni di pensionati con un reddito pari o superiore a 1443 euro mensili lordi, il presidente della Regione Lazio Nicola Zingaretti e la sua maggioranza si sono dimostrati conniventi della truffa legalizzata del Governo Renzi” lo dichiara in una nota il consigliere regionale del Lazio per Fratelli d’Italia, Fabrizio Santori, sottoscrivente di una mozione per la restituzione ai pensionati dell’integrale importo dovuto, ben lontano dalla cifra restituita ed oscillante tra i 150 e gli 800 euro.

“Chi va con lo zoppo impara a zoppicare. Con la bocciatura della nostra mozione il Pd di Zingaretti difende le discutibili manovre della Fornero e del governo Renzi, che con il decreto 65/2015 non rispetta la sentenza della Corte Costituzionale del 30 aprile 2015. Invece di spalleggiare gli interessi particolari di partito, il Governatore del Lazio poteva scegliere di seguire l’esempio di Regioni, come il Veneto, che hanno approvato un documento nel pieno rispetto dalla legge sollecitando il Governo . Ci domandiamo cosa intenderà fare quando i ricorsi patrocinati da numerose associazioni, enti e sindacati troveranno accoglimento. Sembra che Zingaretti, dopo gli ultimi risultati elettorali nel Lazio dove appare evidente la perdita di consensi, abbia in mente un vero e proprio atto kamikaze” conclude Santori.