4 dicembre 2016

Sanitalia da sanare

surgical instruments in operation room. image with shallow DOF color processed

Secondo il rapporto Censis-Rbm Salute ogni anno 11 milioni di italiani rinunciano alle cure sanitarie o le rinviano. Rispetto al 2012 c’è stato un aumento di 2 milioni di unità ed il trend, purtroppo, non accenna ad arrestarsi. In Italia, quindi, la salute da diritto universale è diventato un diritto per pochi privilegiati. A furia di tagliare, nel solo 2015 il governo ha sottratto 4,3 miliardi di euro al Fondo Sanitario nazionale e la qualità dei servizi sanitari è peggiorata. Non dimentichiamo, inoltre, i tagli alle Regioni, quasi tutte con il segno negativo nei rispettivi bilanci.

La prevenzione di fatto non c’è più ed ammalarsi significa, se si vuole guarire e per chi può farlo, rivolgersi alla sanità privata. Praticamente il diritto alla salute sancito dalla carta costituzionale è stato annullato. Viste le liste d’ attesa chilometriche, di fatto si è avuta la privatizzazione; se sei benestante puoi curarti altrimenti o spendi i risparmi di una vita o muori come un cane. Esagero? Fatevi una passeggiata al Cardarelli di Napoli e tra una barella e l’altra noterete che quanto ho scritto non è irreale. Sono 7 milioni gli italiani che si affidano alle cure “Intramoenia”, dove i medici pagati da tutti noi, utilizzano le nostre strutture pubbliche per guadagnare in privato.

A furia di tagliare i fondi, il personale e chiudere i nosocomi, il medico è diventato roba da “Chi l’ha visto?”. Degli 11 milioni che sono costretti a non curarsi 2,4 milioni sono anziani e 2,2 sono nati nel periodo tra gli anni 80 e 2000. Agli anziani non è più garantita una vecchiaia civile così come ai giovani non è consentita la prevenzione che permetterà loro di affrontare la vita senza acciacchi. A questi numeri agghiaccianti aggiungiamo il dato che per la prima volta dall’unità d’Italia è diminuita l’aspettativa di vita. Un mix di notizie crudeli, indegne di un paese civile.

Aggiungiamo che la crisi ha peggiorato il quadro generale, perché quando non si hanno i soldi, quando il lavoro è una chimera, il poco che si può spendere è impiegato nell’acquisto di cibo spazzatura. Secondo voi questo cibo che impatto può avere sugli organismi di chi lo ingerisce? Insomma, se non sei amico degli amici o hai la tasca piena, quando ti ammali devi solo affidarti alle preghiere per guarire.

Che fare, allora? Innanzitutto togliamo alle Regioni la borsa della spesa sanitaria. Queste non hanno fatto altro che creare nuove sacche di clientele. Eliminiamo, poi, gli sprechi con sanzioni gravi (licenziamento e carcere lungo) per chi macchia di sangue il denaro pubblico (leggi nostro). Altra cosa da fare è evitare che chi lavora in una struttura pubblica possa anche lavorare in una privata. O di qua o di là; sapete ma nessuno mi toglie dalla testa che chi è al doppio servizio, quando indossa il camice pubblico sia meno ligio di quando veste quello privato. Non si offendano quanti servizievoli doppi siano professionali al massimo; l’elenco dei casi alla base delle mie affermazioni è nutrito….Vuoi i guadagni della sanità privata? Bene, in bocca al lupo, ma niente strutture pubbliche.

Altro schifo da eliminare sono le raccomandazioni che iniziano sin da quando un medico è ancora uno studente. Possibile mai la maggioranza di coloro che superano i test d’ammissione sia membro di una famiglia “medica”? Meritocrazia che dovrebbe abbattere anche quel sistema che vede privilegiare i soliti baroni, nobiliari al servizio dei potenti di turno. Quante carriere sono frutto di “spintarelle”?

La sanità, poi, non deve essere vista come una impresa; gli interessi delle lobby finanziarie e farmaceutiche non devono prevalere sulla dignità degli uomini. La sanità è una spesa che qualifica come civile uno stato; un conto è non sprecare un altro è utilizzare la scusa degli sprechi per lucrare. Lucro che, ricordo, avviene utilizzando i soldi pubblici. Facile fare i signori con le tasche altrui, no?

Per concludere, se davvero vogliamo una sanità pubblica efficace, bisogna aumentare gli investimenti nella ricerca; solo così le menti migliori rimarranno da noi e le malattie non saranno più per molti italiani una disperazione umana ed economica.

Il modello americano è roba per sciacalli; siamo in Italia, la culla della civiltà moderna che da millenni eleva l’uomo da bestia a creatura divina.

Alfredo Di Costanzo
About Alfredo Di Costanzo 5930 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.