3 dicembre 2016

Ottone e De Andrè, le storie delle due tartarughe marine

 

Le tartarughe marine Ottone e De Andrè sono state recuperate nell’estate 2015 a Santa Marinella, località costiera del Lazio, dalla Capitaneria di Porto su segnalazione di un privato. Presentavano ciascuna uno degli arti lacerato da una lenza da palangaro in cui erano rimasti impigliate: la ferita era talmente profonda che l’arto era quasi amputato.

I palangari, reti da posta costituite da centinaia di lenze armate di ami, sono uno dei pericoli cui vanno incontro più di frequente le tartarughe, che si avvicinano a questi attrezzi da pesca attratte dalle prede (pesci e molluschi) già catturate dagli ami.

Ottone e De Andrè sono due giovani esemplari  della lunghezza di circa 50 cm, di sesso ancora non riconoscibile. La distinzione tra maschio e femmina avviene infatti al raggiungimento della maturità sessuale (non prima dei 25 anni d’età e con una lunghezza del carapace di 80-85 cm).

Dopo il ritrovamento, grazie alla Rete Regionale TartaLazio, la rete per la tutela e il recupero delle tartarughe marine nel Lazio, che ha visto in azione la Riserva Naturale di Tor Caldara, l’Ente Parco Regionale Riviera di Ulisse e il Corpo Forestale dello Stato, i due esemplari di Caretta caretta sono stati affidati al Centro di Recupero Tartarughe Marine della Stazione Zoologica “Anton Dohrn” di Napoli. Le due tartarughe hanno trascorso circa 9 mesi presso il Centro di Recupero di Napoli, dove sotto le cure del personale specializzato hanno intrapreso un lungo percorso  di riabilitazione, che ha consentito loro di ritornare nel loro ambiente naturale e di riprendere le lunghe migrazioni nel Mediterraneo nonostante l’amputazione subita.

L’Area Marina Protetta  “Secche di Tor Paterno”, gestita da RomaNatura e uno dei nuclei della Rete Regionale TartaLazio,  è stata scelta dalla Stazione Zoologica di Napoli  in primo luogo  perché è preferibile rilasciare le tartarughe nelle stesse acque dove sono state trovate, in questo caso nel mare laziale, in considerazione della forte memoria topografica che contraddistingue questi Rettili marini.

Rispetto ad altre località costiere, inoltre, l’Area Marina, situata a circa 7 miglia dalla costa laziale tra Ostia e Torvaianica e unica area marina italiana completamente sommersa, ha  il vantaggio  di trovarsi in  mare  aperto e profondo (il banco roccioso vera e propria “isola sotto il mare” si trova ad una profondità tra 19 e 60 metri), lontano da  quelle “barriere” di reti che si snodano sotto costa, in un’area ricca di disponibilità alimentare.

Le Secche di Tor Paterno offrono dunque le condizioni ottimali affinché le tartarughe,  un po’ disorientate dalla degenza, possano rapidamente riprendere confidenza con il loro ambiente e riprendere i loro viaggi nel Mediterraneo.

About Emanuele Bompadre 8218 Articoli
Emanuele è un blogger appassionato di web, cucina e tutto quello che riguarda la tecnologia. Motociclista per passione dalle sportive alle custom passando per l'enduro, l'importante è che ci siano due ruote. Possessore di una Buell XB12S è un profondo estimatore del marchio americano.