4 dicembre 2016

Honda Integra 750: il nostro test

La via dimezzo della Honda, si rinnova ed oggi è ancora più accattivante e pratica. L’Integra, che si guida come una moto ma garantisce anche le comodità di uno scooter, sfoggia nuove luci a LED, uno scarico nuovo ed una strumentazione ancora più leggibile e completa.

Il motore guadagna l’omologazione Euro 4 ed eroga 55 cv a 6.250 giri e 68 Nm a 4.750 giri. Il cambio a doppia frizione Dual Clutch Trasmissione offre due modalità automatiche, la Drive e la Sport. La Sport, a sua volta ha tre livelli di impostazione ed il cambio ha l’Adaptative Clutch Capability Control che riduce, attraverso la gestione delle frizioni, l’on-off alle basse velocità. Il telaio è in acciaio con struttura a diamante e la forcella Showa ha gli steli da 41 mm..

Il mono offre una regolazione del precarico più facile. La frenata è affidata ad un disco anteriore da 320 mm, con pinza a due pistoncini, ed un disco posteriore da 240 mm, con pistoncino singolo. I cerchi sono da 17 pollici con misure 120/70 all’anteriore e 160/60 al posteriore.

honda integraGrazie alla concessionaria ufficiale di Napoli, la All Roads, abbiamo saggiato le qualità dell’Integra nel cuore della città partenopea. In sella l’accoglienza è ottima sia per il pilota sia per il passeggero. Purtroppo il vano sottosella è piccolo, non capace di contenere un casco jet.

La protezione garantita dal cupolino è quasi perfetta anche se si percorrono i tratti autostradali. Il comportamento offerto dal telaio e dalle sospensioni è uguale a quello di una vera moto. L’Integra non si scompone sia se sotto le ruote incontra una buca sia se c’è una giunzione dell’asfalto accentuata.

Il traffico è il suo pane quotidiano e si apprezza la maneggevolezza. Nel misto l’Integra sfoggia performance interessanti, quasi da racer. La frenata è, nonostante il disco singolo, sempre pronta ed efficace. Il DCT cambia, su questa versione, ancora più rapidamente e con maggiore precisione. C’è la possibilità, per chi non vuole alcun ausilio, di cambiare esclusivamente manualmente con le due leve poste anteriormente e posteriormente al semimanubrio sinistro.

Insomma la nuova Integra è ancora più godibile in città, in autostrada che tra le curve. Per chi vuole provare in prima persona le prestazione di questa via di mezzo Made in Honda, può recarsi presso il dealer ufficiale All Roads e chiedere il demo ride.

Alfredo Di Costanzo
About Alfredo Di Costanzo 5936 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.