6 dicembre 2016

Alberi in Campus: RomaNatura, AzzeroCO2 e Università Campus Bio-Medico di Roma insieme per l’ambiente

 

Questa mattina, nella splendida cornice della Riserva Naturale di Decima Malafede, presso la Torre di Perna si è svolta la conferenza stampa di presentazione del progetto “Alberi in Campus”, nato dalla collaborazione tra RomaNatura, AzzeroCO2 e Università Campus Bio-Medico di Roma.

L’obiettivo del progetto “Alberi in Campus” è quello di realizzare interventi strategici di forestazione per la valorizzazione della Riserva Naturale di Decima Malafede. La prima iniziativa riguarderà il Sentiero Natura Andrea d’Ambrosio, che inaugurato il 10 ottobre 2015, verrà arricchito con la messa a dimora di 100 alberi ad alto fusto già nel mese di settembre e consentirà a studenti e dipendenti dell’Università Campus Bio-Medico di Roma e ai pazienti del suo Policlinico Universitario, insieme alle famiglie di Trigoria, una maggiore fruibilità della Riserva.

La collaborazione, illustrata durante la conferenza stampa, ha preso il via la scorsa settimana con la firma del Protocollo d’Intesa tra RomaNatura ed AzzeroCO2, finalizzato al coinvolgimento di aziende ed organizzazioni private e pubbliche, che possano promuovere interventi di forestazione per la valorizzazione del patrimonio naturalistico della città di Roma, nell’ambito del programma di incremento delle aree forestali promosso dall’Amministrazione comunale.

Nei prossimi mesi AzzeroCO2 avvierà le verifiche preliminari alla realizzazione di un vasto intervento di forestazione all’interno della Riserva Naturale di Decima Malafede, che potrà essere certificato da un ente terzo per l’ottenimento dei crediti di CO2 per il mercato volontario.

All’evento hanno partecipato Maurizio Gubbiotti, Commissario Straordinario di RomaNatura, Annalisa Corrado Direttore tecnico di AzzeroCO2, Domenico Mastrolitto, Direttore di Campus Bio-Medico SpA (Ente promotore di UCBM) e il Dott. Luca Borghi, docente di Storia della Medicina dell’Università Campus Bio-Medico di Roma.

Collocare questa iniziativa all’interno della Settimana dei Parchi – dichiara Maurizio Gubbiotti, Commissario straordinario di RomaNatura – significa per noi sottolineare il contributo che le Aree Protette possono dare allo sviluppo sostenibile locale e ad una migliore qualità della vita, come fattori reali di trasformazione dei sistemi urbani. La realizzazione di interventi di forestazione oggi rappresenta in prima istanza un risposta ai mutamenti climatici, e un contributo concreto alla salvaguardia dei suoli, ma significa anche dare alle aree protette una proiezione economico-sociale oltre che ambientale con una visione integrata del territorio.”

“Attraverso gli interventi di forestazione AzzeroCO2 si propone di dare un contributo concreto per attenuare gli effetti causati dalle emissioni climalteranti. – afferma Annalisa Corrado, Direttore tecnico di AzzeroCO2La collaborazione con RomaNatura e Università Campus Bio-Medico di

Roma va dunque nella direzione di incrementare il patrimonio forestale del Comune di Roma e generare benefici ambientali e sociali per le comunità locali.”

“L’obiettivo principale dell’Università Campus Bio-Medico di Roma – dichiara Domenico Mastrolitto, Direttore di Campus Bio-Medico Spa – è promuovere la centralità della persona in ciascuno degli ambiti in cui agisce: l’assistenza sanitaria e la cura delle fragilità, la formazione delle giovani generazioni e la ricerca scientifica. Le questioni ambientali rappresentano un elemento essenziale di questo progetto culturale e sociale e l’insediamento nel 2007 del campus universitario all’interno della Riserva Naturale di Decima Malafede è frutto di una scelta consapevole verso la sostenibilità e la tutela ambientale che vogliamo continuare a promuovere”.

Luca Borghi, Docente di Storia della Medicina dell’Università Campus Bio-Medico di Roma spiega come “sul tema degli alberi l’Università Campus Bio-Medico di Roma sia in grande sintonia anche da un punto di vista storico e culturale”. “Ormai da parecchio tempo – continua Borghi – stiamo lavorando sulla figura di Guido Baccelli (1830-1916), di cui quest’anno ricorre il centenario della morte, che non fu solo uno dei clinici e dei politici più influenti dell’Italia post-unitaria. Egli, infatti, fu anche l’ideatore per l’Italia della Festa degli Alberi che, celebrata per la prima volta nel 1899, da quasi centoventi anni è una delle principali fonti di educazione ambientale e di concreto contributo al rimboschimento del nostro Paese. Si calcola che grazie alla Festa degli Alberi voluta dall’allora Ministro Baccelli siano stati piantati in Italia oltre cento milioni di nuovi alberi”.

 

About Emanuele Bompadre 8249 Articoli
Emanuele è un blogger appassionato di web, cucina e tutto quello che riguarda la tecnologia. Motociclista per passione dalle sportive alle custom passando per l'enduro, l'importante è che ci siano due ruote. Possessore di una Buell XB12S è un profondo estimatore del marchio americano.