5 dicembre 2016

MotoGp, Jorgello: la pagialla del Dicos

EL MATADOR 10 e Lode: Partenza fulminea, staccate da urlo, efficacia nello spalla a spalla, abilità nel saper sfruttare le potenzialità della M1, ecco, in sintesi, la descrizione delle fasi di gara del biaggista più veloce del mondo. Mentre la canea gialla sperava in altri risultati, lui è stato bravissimo nel contenere le azioni furibonde del compagno di squadra e di rispedire al mittente gli attacchi del connazionale della Honda numero 93. Jorge è stato autore di una gara maiuscola, dove testa e polso hanno lavorato in simbiosi alla grande. Chi diceva che nel corpo a corpo non è un vincente, avrà un altro motivo per zittirsi. Purtroppo la canea gialla l’ha fischiato durante la premiazione (una curiosità: chi ha portato certe verdure perché le ha sottratte, ad esempio, al proprio canarino? Forse perché già consapevole che qualcuno non avrebbe volato più di tanto? Ciò, però, non li giustifica dal compiere gesti da bimbominkia) e noi italiani, ancora una volta, facciamo una figura di menta grazie a loro. Jorge, però, sa che in Italia i veri appassionati non sono quelli che la notte non dormono perché devono incendiare fantocci stile Isis o scrivere striscioni contro chi da anni è più forte del proprio idolo. I veri appassionati del motociclismo, in Italia, la notte non dormono perché fanno l’amore con la/il propria/o morosa/o e sognano ad occhi aperti l’amata moto. Magnifico!

 

MARC MARQUEZ 9,5: Il ragazzo prodigio non si è lasciato vincere da una moto che nella migliore delle ipotesi non è all’altezza della Yamaha e della Ducati. Per lui, anzi, è stato uno stimolo in più a dare maggior gas. L’ultimo giro è roba che resterà impressa come delizia nelle menti di chi ama il nostro sport. E’ costretto ad arrendersi ad un connubio moto/pilota che oggi è superiore. Resta, ancora, la consapevolezza che non è secondo a nessuno. Marc e Jorge sono le due diverse facce della stessa medaglia d’oro coniata dalla zecca ufficiale del Motociclismo. Gli applausi vanno anche a lui (la canea gialla non l’ha risparmiato con i fischi; sintomo che per loro più che di biscotto deve parlarsi di supposta dura a sciogliersi…). Bravo!

 

ANDREA IANNONE 8: Guida una gran moto, per me la migliore per la tipologia del tracciato, sul circuito di casa, eppure….Il podio è sempre un gran risultato, ma anche questa volta una gioia grande al traguardo non c’è stata. Chi ha ancora dei dubbi sulla scelta “lorenzata” della Ducati, avrà uno spunto per ricredersi. Bello che non balla!

 

DANI PEDROSA 7,5: Sfiora il podio anche se non è mai stato seduto seriamente sul tavolo della partita più importante. Un buon risultato che non nasconde le difficoltà che ha con questa Honda e queste Michelin. Sveglia!

 

ANDREA DESMODOVI 7: Un problema all’avambraccio lo penalizza da metà gara in poi. Purtroppo per il forlivese c’è sempre un qualcosa tra sfiga e sfortuna che lo frena. L’impegno, però, non manca mai. Urge una visita al Santuario di Pompei con seguito di bagno abbondante in acqua benedetta…..

 

VALENTINO ROSSI Sfortungello: Il fine settimana per Mister 9 volte inizia bene, perché a parole prende le distanze dalla canea gialla che ne ha combinate di tutti i colori. Quando dice che al Mugello c’è una bellissima atmosfera, dimentica che un pupazzo a forma di Marquez è stato dapprima impiccato poi bruciato da omuncoli che indossavano maglie e cappellini gialle (a proposito dov’erano i controllori e cosa intende fare l’autorità giudiziaria locale contro questi personaggetti? C’è un bel video che gira in rete: un bel Daspo, no?) Qualcuno mi fa notare che arrivano con un piccolo ritardo di 15 anni, ma non soffermiamoci su questi piccoli particolari. Soffermiamoci, invece, sull’impegno. Dopo essere stato a lungo tra la sesta e l’ottava piazza, fa un giro magnifico e fa sua la pole. Spè….diciamola meglio: Vinales gli fa da lepre e grazie alla sua scia stampa la pole (non è una fetta biscottata il fatto che da un bel po’ di qualifiche questo accade? Ah, è vero: il biscottificio per alcuni non sforna). Tutti l’applaudono, compresa la canea gialla. Iannone scherza quando lui è con la Pedron, la ex ragazza di Biaggi (se non erro Max e lei non sono stati mai sposati, giusto? Beh se comprare i like non basta ad avere molte visualizzazioni, ciò non significa che bisogna unire il gossip becero alla disinformazione). Tanti bei sorrisi che lasciavano presagire una vittoria che manca da….da….da un bel po’.  In gara subito, pronti via, viene sorpassato da chi guida una moto con gli stessi adesivi. Lui, allora, le prova tutte, ma nisba; Lorenzo è più forte, punto. Poi….Certi sogni si avverano ma alle volte vanno in fumo. Come dice quel tale: mannaggia mannaggia!

 

YAMAHA: Due motori fritti ed una moto prima al traguardo con chi l’anno prossimo non sarà del team….

 

DUCATI: Il campione arriva l’anno prossimo, un po’ di pazienza…

 

HONDA: Forse la centralina unica è ancora indigesta. Certo è che non è all’altezza delle moto dei tre diapason e desmodotate…

 

 

SUZUKI: Bene in qualifica, da migliorare in gara.

 

APRILIA: Da migliorare ancora in tutto.

 

CANEA GIALLA: E’ inutile ricordarvi quello che siete perché siete così meschini e limitati mentalmente che avrei difficoltà ad usare parole non offensive. Bisogna avere pazienza ancora per un po’. Siete come quei tifosetti che abbandonano il circuito una volta che il loro beniamino non è in gara. Uguali uguali…..

 

Ringrazio l’amico Federico per l’ispirazione su alcuni passaggi di questa pagialla…..

Alfredo Di Costanzo
About Alfredo Di Costanzo 5949 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.