8 dicembre 2016

Renato Pozzetto in “Siccome l’altro è impegnato”

Siccome l’altro (Cochi) è impegnato, Renato (Pozzetto) si mette in proprio e porta in scena al Teatro Nazionale di Milano un suo esperimento teatrale, il cine-cabaret, in cui si alternano video-proiezioni di alcuni dei suoi film di maggior successo, cabaret, gag, satira politicamente scorretta e momenti musicali di alcuni suoi successi come “La vita l’è bela”, “L’uselin de la comare” e tante altre. A supporto, una banda di 4 elementi.

Da “one man show”, seppur non in stile Fiorello date le 76 primavere, Pozzetto ripercorre quasi 50 anni di carriera, iniziata nei cabaret milanesi come il Derby, proseguita in tv ed al cinema (ha preso parte ad oltre 60 film) fino al teatro col suo compagno di viaggio , di cui è orfano causa impegni teatrali.

Pozzetto coniuga magistralmente cinema e cabaret richiamando l’attenzione del pubblico ai suoi cavalli di battaglia. Le situazioni da teatro dell’assurdo si succedono ai momenti più memorabili dei suoi film e alle sue canzoni. Il pubblico gradisce, anticipa le battute durante la proiezione dei videoclip dei film ed esplode in risate fragorose quando Pozzetto da sfogo alla ironia tipicamente milanese, sottile, asciutta, non eccessivamente sboccata ma molto efficace.

Spiega Pozzetto che i due film proiettati nascono da una selezione effettuata personalmente: «È un esperimento dentro le mie più celebri risate. Pensare che io non avevo i dvd dei miei film, me li hanno mandati due fan di Treviso: li ho rivisti e mi sono divertito ancora. Con un amico ho fatto una selezione, creando questo mio nuovo format: il Renato del film si batte e parla col Renato sul palco che, in ombra, guarda lo schermo e fa i suoi numeri» ed ancora “Bello. Si poteva inserire (Per amare Ofelia, ndr), ci penso, gli sono affezionato. Ci sono molti film miei di cui vado fiero. Oh, Serafina, Porca vacca, Sono fotogenico ma non ho mai avuto l’abitudine di rivederli, avevo solo le vecchie cassette. E poi ci sono quelli di cui un po’ mi vergogno… per esempio Le comiche che feci per amicizia con Villaggio ma c’erano trovate più sue che mie, un po’ infantili».

1_pozzettoDell’assenza di Cochi dice «È la prima volta. Devo dire che cambia tutto, ogni tanto sento anche un po’ di malinconia perché i tempi e ritmi dei dialoghi, dei nostri battibecchi, quelli sono molto diversi e mi mancano».

Dello scenografia, composta da una gallina come sfondo e da un ombrello proiettato dallo schermo, dichiara “Quello è un nostro marchio di fabbrica, nato con un senso anche sociale e politico perché in questo mondo se riesci a coprirti, a ripararti, a non bagnarti, allora vabbè sei salvo”.

Piccola pecca, l’assenza di qualche aneddoto, qualche retroscena  o di qualche segreto. Ciononostante, le due ore di spettacolo trascorrono piacevolmente.

Il botteghino ha certificato il successo del tour con l’aggiunta di varie repliche a Milano (quasi da tutto esaurito) alle date già previste in varie città del Nord Italia.