6 dicembre 2016

Questa frase è falsa. Kurt Gödel e i paradossi del genio, Teatro di Villa Torlonia

 

La pièce, scritta in occasione dei 110 anni dalla nascita di Kurt Gödel, esplora i punti nodali del matematico e filosofo austriaco, uno dei maggiori logici del XX secolo.

Nel 1930 un ragazzo austriaco dimostrò un teorema di logica matematica con una delle più incredibili sequenze argomentative nella storia del pensiero umano. Era il Teorema di Incompletezza e il ragazzo si chiamava Kurt Gödel.

Logico, folle, metafisico, alienato dalla realtà, pensatore eccezionale, rigoroso fino all’eccesso, Kurt Gödel incarna la follia come lucida visione logica della realtà. Come Shakespeare nell’Amleto: c’è del metodo in questa follia, Gödel ha radicata in sé la convinzione che il mondo sia profondamente razionale, senza alcuno spazio per il caso, per l’indeterminatezza.

Costruito come una docufiction teatrale, lo spettacolo mette in scena i momenti nodali della vita di Gödel attraverso una serrata alternanza tra la parola e la musica dal vivo di un violoncello solo: uno studente appassionato di logica che percorre gli entusiasmi, le fobie e le inquietudini del grande matematico, dai primi successi accademici alle crisi depressive, dalla fuga dall’Austria nazista fino al conseguimento della cittadinanza americana; la figura del grande logico alle prese con un giudice statunitense; Gödel, che come in una seduta psicanalitica, spiega le proprie scoperte; la nutrizionista che lo prende in cura quando ormai settantenne smette di mangiare convinto che il cibo sia avvelenato.

Una riflessione sulla vita, sul tempo e sulle conseguenze drammatiche della logica del genio.

La stagione del Teatro di Villa Torlonia è promossa da Roma Capitale con  il coordinamento organizzativo di Zètema Progetto Cultura

TEATRO DI VILLA TORLONIA

16 aprile 2016 ore 19.30

Ingresso libero con prenotazione obbligatoria 060608

Questa frase è falsa. Kurt Gödel e i paradossi del genio

testo e regia  Pietro Faiella 

Interpreti  Vito Favata, Liliana Massari, Andrea Benazzo, Pietro Faiella

Violoncello Emanuela Zanghi

disegno luci Salvatore Metastasio