4 dicembre 2016

Diabete, casi in aumento, ma ci sono strumenti per monitorare la malattia

L’Organizzazione Mondiale della Sanità ha lanciato l’allarme: il diabete continua la sua crescita a livello globale, provocando oltre un milione e mezzo di morti all’anno e diffondendosi in modo particolare nei Paesi a basso e medio reddito, dove avviene circa l’80% dei decessi causati da questa malattia.

È una delle informazioni contenute nel “Rapporto globale sul diabete”, pubblicato dall’ente internazionale in occasione della Giornata Mondiale della Salute, che in questo 2016 è stata dedicata proprio alla sensibilizzazione circa prevenzione, diagnosi, trattamento e cura del diabete.

I punti chiave. Il rapporto racchiude una importante serie di indicazioni statistiche e consigli per i malati o per i loro familiari. Si comincia dal delineare il quadro della situazione che, come detto, appare a tinte piuttosto fosche, ed è addirittura destinato a peggiorare nel giro dei prossimi 15 anni: secondo l’Oms, infatti, nel 2014 (ultimo anno di raccolta dati), gli individui adulti affetti dal diabete erano ben 422 milioni, vale a dire l’8,5% della popolazione globale, e per il 2030 si stima che la malattia sfiorerà i 600 milioni di casi e diventerà la settima causa di morte al mondo (già al giorno d’oggi costa la vita a oltre 1,5 milioni di persone all’anno).

Per sottolineare questa crescita esponenziale, basta pensare che nel 1980 il numero di malati raggiungeva i 108 milioni, ovvero il 4,7% degli abitanti del mondo.

Anche l’Italia non è immune da questo problema: nel nostro paese i diabetici sono 5 milioni, quasi il doppio rispetto al numero riscontrato 30 anni fa, e il diabete di tipo 1 colpisce sempre più anche i giovani (25mila vittime con meno di 18 anni).

Problemi con la bilancia. Una delle cause dell’incidenza di questa patologia è da ricercare nell’ aumento di obesità e sovrappeso nella popolazione mondiale, che interessa ogni fascia d’età: è ancora il rapporto dell’Oms a spiegare come nel 2014 più di un adulto su tre era in sovrappeso, e più di uno su dieci risultava addirittura obeso.

Inoltre, c’è un altro aspetto che preoccupa gli esperti: lo scorso anno, circa 382 milioni di persone non sapevano di essere affetti da diabete, e nella sola Italia il numero di pazienti senza diagnosi supera il milione e mezzo, vale a dire uno su quattro malati.

Questo ovviamente incide anche sulla mortalità, perché si contano ben 2,2 milioni di morti all’ anno a causa di danni provocati da livelli di glicemia superiori al normale, che aumentano il rischio di malattie cardiovascolari e di altre patologie.

Problemi collaterali. Il diabete, infatti, comporta numerose complicanze, che vanno dall’aumento di probabilità di avere un infarto o un ictus a perdita di vista e insufficienza renale, fino all’amputazione degli arti inferiori. Inoltre, il 43% delle morti si verifica prematuramente, prima dei 70 anni di età, e potrebbero essere prevenute attraverso un miglioramento dello stile di vita e un migliore sistema di diagnosi, con trattamenti più efficaci. Secondo i medici dell’Oms, infatti, per gestire in modo corretto il diabete bisogna rispettare una serie di indicazioni, che hanno un cardine nell’assunzione regolare dei farmaci, e proseguono con uno stile di vita salutare, screening regolari e monitoraggio dei rischi di complicanze.

Le contromisure. Prevenzione e controllo sono dunque due elementi fondamentali per contrastare questa malattia; e la tecnologia può offrire un supporto importante in questa battaglia, grazie a soluzioni innovative che consentono di monitorare costantemente e con efficacia il proprio stato fisico.

Oggi è molto più semplice avere sotto controllo il proprio stato di salute ed anzi oggi le apparecchiature per il controllo del diabete sono acquistabili anche online a prezzi molto convenienti.

È possibile persino trovare dei kit Multicare da regalare su siti come Medisanshop, completi di tutta la strumentazione e utili per tenere sotto controllo oltre al livello del glucosio, anche quello del colesterolo e dei trigliceridi.