5 dicembre 2016

Roma – L’On. Montali scrive a Cantone: “Come mai Mafia Capitale e non Mafia Regione Lazio?”

Segnalare un disagio, un problema, una preoccupazione è diritto, nonché dovere, di ogni onesto cittadino. Si può segnalare un problema ad un agente di passaggio, oppure fare una denuncia alle forze dell’ordine. Alcuni utilizzano i media come mezzo per mostrare un disagio, in un mondo globalizzato dove si teme che la propria voce non venga presa abbastanza in considerazione.

Altri utilizzano metodi ‘sempre verdi’ ma efficaci, come la lettera aperta che l’on. Sebastiano Montali (ex presidente della Regione Lazio, nonché ex sindaco di Ciampino) ha inviato al presidente dell’Autorità Nazionale Anticorruzione Raffaele Cantone. Sempre attento al tema di Mafia Capitale, Montali ha assistito ad una manifestazione di persone che protestavano per reclamare il loro diritto a riscuotere uno stipendio che non percepivano più da tre mesi: “La cooperativa – scrive nella lettera – che non sta pagando è una di quelle targate MAFIA CAPITALE; che, a propria discolpa, sostiene la sua impossibilità al pagamento, visto che chi gli aveva assegnato l’appalto, la ASL del comprensorio, non aveva pagato le somme pattuite nel contratto”.

Basandosi su questi fatti, l’ex sindaco si stupisce di un commissariamento limitato al comune di Roma e non esteso alla Regione Lazio: “ (…) gli ‘scandali’ della Regione sono stati sempre, e sono, almeno il doppio se non il triplo degli scandali ‘scoperti’ al Comune di Roma; eppure gli arrestati, gli inquisiti, gli ‘spariti’, non sono stati sufficienti per convincere tutti quanti che mafia capitale deve riferirsi all’intera Regione Lazio come dire … Roma e dintorni”.

Montali inoltre scrive “Io non credo, dottor Cantone, che lei pensi che Mafia Capitale sia solo Buzzi e Carminati. Lei sa bene che questi personaggi nulla avrebbero potuto fare senza la partecipazione delle istituzioni, ma le istituzioni oggi si sono costituite parte civile, in un procedimento nel quale forse avrebbero dovuto avere un altro ruolo, quello di responsabili diretti”. Una proposta, quella di costituirsi parte civile, che forse – scrive il mittente – dovrebbe interessare tutti i cittadini, specie i candidati sindaci; ma purtroppo c’è il rischio che il silenzio sia sinonimo di complicità. L’on. Montali propone anche una soluzione: “La Regione Lazio dovrebbe subito commissariare la cooperativa dei Casamonica e ridare alle circa 70 persone senza stipendio, quanto è loro dovuto”. Proposte interessanti a cui si unisce il Movimento UILS, che già aveva richiesto di costituirsi parte civile nel processo Mafia Capitale.

Queste sono solo una parte delle questioni proposte dall’onorevole nella lettera: legittime domande che attendono risposte concrete.

UILS Unione Imprenditori e lavoratori Socialisti

About Emanuele Bompadre 8227 Articoli
Emanuele è un blogger appassionato di web, cucina e tutto quello che riguarda la tecnologia. Motociclista per passione dalle sportive alle custom passando per l'enduro, l'importante è che ci siano due ruote. Possessore di una Buell XB12S è un profondo estimatore del marchio americano.