3 dicembre 2016

La guerra del dio denaro

Le morti di Bruxelles sono le ultime gocce di sangue di una scia iniziata molto tempo fa. Tutto è nato sia quando abbiamo deciso di esportare in alcune zone del globo la nostra democrazia al solo fine di sfruttarle sia quando abbiamo esportato il nostro modo civile di risolvere le cose, ossia l’utilizzo delle armi. Soprattutto è nato quando, ipocritamente, abbiamo permesso di accettare tutto e tutti in nome di una presunta uguaglianza di diritti e di un rispetto reciproco ipotetico.

In realtà di uguale c’è poco o nulla tra il nostro modo di essere e quello di alcune popolazioni. E’ un mix micidiale di sfruttamento, convenienza economica e utopie religiose che ci ha portato ad una guerra. Guerra che nessuno di noi, persone normali, ha voluto; ostilità progettata da chi sfrutta le nostre e le loro debolezze. Conflitto che se non reagiamo, ci porterà alla totale distruzione; belligeranza che non avrà vincitori al di fuori di coloro che fabbricano armi e sfruttano le ricchezze naturali ed economiche nostre e loro. Contesa che alimenta la propria forza sulla paura di perdere quel poco che ci è rimasto. Perché questo è il focus: difendere il poco che ci è rimasto.

Abbiamo tolto dei dittatori a delle popolazioni per omaggiarle con governi fantocci e armi; in cambio abbiamo “solo” sfruttato il loro territorio. A noi hanno tolto i diritti fondamentali in nome di una Europa che ci chiede tanto ma alla quale nessuno di noi (leggi popolo) ha chiesto o ha delegato qualcosa. Il tutto in nome di un solo dio, il denaro. Si, perché se oggi siamo in guerra è perché gli apostoli del dio denaro così hanno deciso.

Il terrorismo a cosa serve se non ad alimentare il terrore e quindi foraggiare lo schifo che avete letto poc’anzi? Davvero credete che si tratti di una guerra di religione o di modelli di vita? Analizzate i fatti del vissuto quotidiano nostrano e loro. Vi renderete conto che queste sono solo scuse per dividerci, indebolirci e renderci ancora più schiavi dei paladini del dio denaro. Alla barbarie del terrorismo si risponde con la civiltà del rispetto; in casa tua sei libero di fare quello che vuoi così come a casa mia faccio quel che voglio.

Le nostre azioni non dovranno mai sovrapporsi per prevaricare. La globalizzazione intesa come imposizione di un determinato tipo di società va combattuta perché non siamo tutti uguali. Ogni nazione e popolo ha diritto di vivere come meglio crede e merita rispetto fino a quando non pretende di imporre i propri modelli alle altre nazioni e popoli. Solo in quel momento, allora, sarà giusto attaccare per difendersi. Oggi, però, a mio parere, siamo dei burattini manipolati da chi ha nel denaro il proprio unico dio. Altro che Allah…..A loro va fatta la guerra, a chi ci divide e sfrutta.

Alfredo Di Costanzo
About Alfredo Di Costanzo 5925 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.