8 dicembre 2016

“Morire d’amore”: il giornalista Mangiapelo ospite con il suo libro “Federica – la ragazza del lago”

 

Federica ridotto“Non si può morire a sedici anni”. È lo struggente incipit di “Federica, la ragazza del lago” (Bonfirraro Editore) dello scrittore e giornalista Massimo Mangiapelo, dedicato alla nipote Federica, la ragazza di Anguillara Sabazia trovata senza vita il 1° novembre 2012 sulla spiaggia di Vigna di Valle, sul lago di Bracciano.

Federica e tutte le altre vittime di femminicidio saranno ricordate proprio l’8 marzo a San Vittore del Lazio (FR), in occasione dell’incontro intitolato “Morire d’amore”, promosso dal Comune e dall’associazione “Per noi donne”. L’appuntamento è fissato alla sala consiliare alle ore 16.30: qui ai saluti del sindaco Nadia Bucci, seguirà l’intervento di Mangiapelo che continua la sua battaglia personale e sociale affinché si conosca il triste risvolto di una delle tante storie di femminicidio, ancora troppo numerose in un paese civile come l’Italia. Gli ultimi risvolti giudiziari hanno portato alla luce, infatti, una verità troppo scomoda, perché ad ucciderla sarebbe stato il fidanzato, Marco, attualmente agli arresti domiciliari.

Con la moderazione di Antonio Felice Fargnoli interverranno anche Rita Cacciani, giornalista de “L’inchiesta”, con un focus su “Le 100 facce di un abuso, Storie di donne”, mentre l’approfondimento “La donna tra tempo e culture” sarà curato da Filomena Citro – psicologa e psicoterapeuta, consulente in sessuologia clinica e co- presidente dell’associazione “Per noi Donne. Insieme contro la violenza” – e Daniela Panaccione ricercatrice in Scienze dell’Orientamento presso l’Università di Cassino e del Lazio meridionale.

 8 marzo 2016“Federica, la ragazza del lago” non è il solito libro dal tono giornalistico su una delle tante vicende tragiche, purtroppo sempre più frequenti, raccontate da terze persone. In questo caso a raccontare la storia è lo zio giornalista della vittima. “Lasciando da parte l’anima giornalistica – dice l’autore – ho voluto raccontare la vicenda di mia nipote partendo da un’angolazione diversa, del tutto personale. Ho messo in primo piano il punto di vista dello zio a cui è morta una nipote. Ho voluto raccontare la sofferenza che ha vissuto la mia famiglia nell’ambito di questa dolorosa vicenda”.

Nel racconto, con la prefazione della genetista forense Marina Baldi, non mancano gli spunti di cronaca e quelli giudiziari, ma il vero scopo del volume è quello di raccontare i sentimenti di chi ha vissuto la tragedia: la famiglia, gli amici, la comunità di Anguillara Sabazia. Colpisce, infatti, l’alternanza dei sentimenti (scritti in corsivo) a quella della verità storica (in stampato) ed insieme accompagnano il lettore a concepire la storia con la mente e con il cuore. Un grido di libertà, insomma, rivolta da chi un respiro di libertà voleva ed è stato soffocato.