5 dicembre 2016

Calcio – Lega Pro, la tripletta di Cellini trascina la capolista Spal al cospetto di un’ottima Lupa Roma

LUPA ROMA Vs SPAL- LEGA PRO

Il calcio, a volte, sa essere davvero crudele. Il risultato, al termine dei 95 minuti di gioco, premia la Spal in un match in cui la Lupa Roma non esce assolutamente ridimensionata sotto il profilo del gioco e della caparbietà mostrata durante l’incontro contro la capolista. Una sfida dai due volti che ha visto alcuni episodi chiave che non hanno sicuramente premiato la formazione di Cucciari, specialmente nel primo tempo.

Ma andiamo alla cronaca con i padroni di casa che devono rinunciare allo squalificato Zappacosta e agli infortunati D’Agostino e Silvagni affidandosi ad un 3-4-3 che prevede il tridente d’attacco Ricci-Fofana-Perrulli. Nei primi due minuti di gioco subito Castagnetti pericoloso dalla distanza con due conclusioni del numero 5 della Spal che chiama Anedda al doppio intervento. Al 6’ Lupa Roma ad un passo dal vantaggio con Sfano’ che, servito da un perfetto assist di Perrulli, calcia di sinistro trovando la pronta risposta di Branduani. Sugli sviluppi del corner guadagnato dalla formazione di Cucciari Malaccari di destro calcia alto.

Al 18’ Finotto si libera bene di Pasqualoni e calcia verso Anedda che devia in calcio d’angolo. Al 30’ Lupa Roma vicinissima al vantaggio con un colpo di testa di Ricci che, su assist di Daffara, mette alto da ottima posizione. Al 39’ Malaccari si libera di Castagnetti in area di rigore e viene fermato fallosamente dallo stesso numero 5 che, misteriosamente, non viene ammonito, come da regolamento, dal direttore di gara: il sig. Pagliardini di Arezzo, comunque, non ha dubbi ed assegna il penalty. Sul dischetto si presenta Fofana che si fa parare il rigore da Branduani fallendo così una ghiotta opportunità per portare in vantaggio la Lupa Roma. Il primo tempo si chiude 0-0 dopo un’ottima prova da parte dei padroni di casa che giocano a viso aperto alla pari con la capolista del girone B.

Nella ripresa neanche il tempo di iniziare che la Spal passa in vantaggio: cross dalla sinistra di Mora per Finotto che, di testa, beffa tutti e realizza la rete dell’1-0. Al 5’ il pareggio della Lupa Roma: sugli sviluppi di un calcio d’angolo battuto da Perrulli, Malaccari fa sponda e Daffara, da ottima posizione, è il più lesto di tutto nel realizzare il tap-in vincente pareggiando i conti. Dopo appena 60 secondi la Spal trova nuovamente il vantaggio, viziato da un doppio fallo che solo il direttore di gara sembra non aver visto. Cellini, servito in profondità, si libera di Celli e dopo aver superato Anedda sigla il 2-1.

Al 12’ la Spal trova anche la terza rete nuovamente con Cellini che realizza la sua doppietta personale battendo Anedda da pochi metri. La Lupa Roma non molla e nel giro di pochi minuti si rende pericolosa in due occasioni: al 13’ Malaccari dal limite dell’area di rigore colpisce un clamoroso palo interno a Branduani battuto, al 16’ Cristiano di testa su assist di Perrulli mette di poco a lato. La Lupa Roma ci prova ancora ma la Spal ad ogni accelerazione colpisce duro: al 28’ cross dalla destra di Lazzari per Zigoni che, da posizione ravvicinata, realizza il 4-1. Nel finale arriva anche la quinta rete della Spal con Cellini che, servito in profondità e partendo in posizione di presunto fuorigioco, realizza la rete del 5-1 che vale la propria tripletta personale che chiude così il match.

Una gara dal finale sicuramente troppo pesante per quanto visto al Quinto Ricci di Aprilia con un punteggio che punisce in modo troppo severo la formazione del Presidente Alberto Cerrai che, sentito telefonicamente, commenta: “Oggi non posso rimproverare nulla ai miei ragazzi. Al cospetto dei primi della classe solo la sfortuna ci ha battuto. Se chiudevamo il primo tempo in vantaggio e addirittura doppio vantaggio nessuno poteva parlare. Una parata miracolo ed un rigore sbagliato ci hanno negato questa gioia. E che la giornata non fosse per noi fortunata l’ho capito sul palo che avrebbe riaperto la gara. Voglio solo sottolineare che ormai da troppe domeniche gli arbitri non stanno mostrando equilibrio verso la mia squadra. A noi vengono regalati ad ogni occasione cartellini ed espulsioni mentre anche oggi non ci sono spiegazioni per due ammonizioni non date. La prima su una simulazione in area del loro attaccante Finotto e la seconda in occasione del rigore. Anche queste cose alla fine faranno la differenza. Noi accettiamo tutto con spirito sportivo però vorrei che chi di dovere facesse più attenzione perché alla fine tutti dobbiamo rispondere ad una coscienza”.

LUPA ROMA – SPAL    1-5

LUPA ROMA: Anedda, Daffara, Celli, Sfano’, Pasqualoni, Fabbro, Malaccari, Volpe, Fofana (35’st Tulli), Perrulli (c) (35’st Tajarol), Ricci (13′st Cristiano). All.: Cucciari. A disp.: Di Mario, Losi, Sembroni, Ferrari, Belkaid, Leccese.

SPAL: Branduani; Silvestri, Gasparetto, Giani (c) (31’st Beghetto), Castagnetti, Mora, Lazzari, Grassi, Cellini, Di Quinzio (22’st Gentile), Finotto (18’st Zigoni). All.: Semplici. A disp.: Contini, Bellemo, De Vitis, Ferri, Posocco, Schiavon, Spighi.

ARBITRO: sig. Pagliardini di Arezzo.

ASSISTENTI: sigg. Rossini di Padova e Marques di Saronno.

MARCATORI: 1′st Finotto (S), 6′st Daffara (L), 7′st, 12′st, 47’st Cellini (S), 29′st Zigoni (S).

NOTE – Al 39’pt Fofana (L) si fa parare un calcio di rigore da Branduani (S). AMMONITI: Ricci, Fabbro, Perrulli, Volpe (L), Castagnetti (S). CALCI D’ANGOLO: 7-5 per la Lupa Roma. RECUPERO: 0’pt, 5’st.

Fonte fotografica: Alfano/Lupa Roma FC

Valerio D’Epifanio