11 dicembre 2016

Calcio – Serie A, le dichiarazioni dei protagonisti rossoneri nel post partita di Sassuolo-Milan

Serbia's head coach Sinisa Mihajlovic looks on during the group A World Cup qualifying soccer match between Croatia and Serbia in Zagreb, Croatia, Friday, March 22, 2013. (AP Photo/Darko Bandic)

MISTER MIHAJLOVIC (CONFERENZA STAMPA)
“Vorrei sapere anche io perchè ci siamo sciolti psicologicamente, ma a caldo non è facile. Sono arrabbiato con noi stessi e con gli arbitri. Di quest’ultimi però non ne parlerò. Nella prima mezz’ora abbiamo dominato, ma non concretizzato. Come ci succede spesso. Non possiamo prendere gol su una palla inattiva così, che avevamo preparato. Poi abbiamo perso le misure, non c’è stato il Milan che volevo io.
Non dimentichiamoci quanto ti buono fatto oggi e adesso cercheremo di lavorare al meglio per reagire già dalla gara contro il Chievo.
Non mi piace parlare di singoli. Sanno se hanno giocato bene o no.
Nei primi 25 minuti abbiamo fatto 5-6 tiri in porta, poi zero. Abbiamo perso le misure poi ed è stata dura.
Sono arrabbiato per le occasioni non sfruttate e per la mancanza di reazione. Questo riguarda i singoli e il gruppo.
Non parlo degli arbitri, ma la moviola non so cosa sia. Vedremo come la useranno e ci saranno due anni di sperimentazione. Vedremo come andrà a finire”

ANDREA BERTOLACCI
Dovevamo portarci in vantaggio nei primi 25′, dovevamop essere più cinici, abbiamo preso gol su schema di calcio d’angolo e poi la partita si è messa in salita. Sull’episodio del secondo gol l’abbiamo visto tutti e lì si è chiusa la partita. Dovevamo dare un segnale più forte prima, la voglia di portare a casa il risultato c’era, dispiace perchè sapevamo che era una gara, loro giocano bene a calcio ma dovevamo fare un risutato diverso. Dagli errori si migliora sempre ma dobbiamo cercare di capire cosa non ha funzionato e non dobbiamo dimenticarci ciò che di buono abbiamo fatto. Sapevamo che oggi era una partita importante perchè vincere significa rimanere attaccati sulla scia del terzo posto, ma non possiamo tornare indietro è andata così. Abbiamo fatto un passo falso, ma mancano ancora 11 partite alla fine del Campionato”.

Alfredo Di Costanzo
About Alfredo Di Costanzo 6000 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.