Roma – Europa League, la questura aveva correttamente valutato la pericolosità dei tifosi turchi, ora intervenga la UEFA

Sono arrivati tutti allo stadio i tifosi organizzati del Galatasaray, circa 1000 che, come correttamente valutato dalla Questura alla vigilia del match, hanno fortemente impegnato le forze dell’ordine, così come disposte dal piano di sicurezza, che ha comunque evitato particolari turbative per l’ordine pubblico.

In occasione dello spostamento del gruppo dei supporters a piazzale delle Canestre non si sono verificati nè atti vandalici, nè violenze sulle persone, mentre per tutto il tragitto fino allo stadio sono stati lanciati petardi e accesi torce e fumoni.

La Questura si riserva di far arrivare, tramite il Ministero dell’Interno, una vibrata protesta alla Uefa che non assume provvedimenti nei confronti di una tifoseria che si è, in molti paesi europei, ripetutamente macchiata di violenze ed illegalità.

Alla fine del 2014 durante Arsenal-Galatasaray, la gara è stata più volte sospesa; i turchi lanciarono un razzo all’indirizzo dei locali.

In Germania si verificarono scontri con le Forze dell’Ordine in pieno centro, con lanci di artifizi e 21 arresti anche per droga.

In Spagna una partita fu sospesa e ci furono scontri con le forze di Polizia.

In Austria la scorsa estate in amichevole con l’Udinese la partita fu interrotta per 35 minuti per lancio di artifizi pirotecnici.

E’ evidente che tifosi di questa pericolosità non possano liberamente circolare tra i paesi dell’ Unione Europea.

loading...
Informazioni su Emanuele Bompadre 9911 Articoli
Emanuele è un blogger appassionato di web, cucina e tutto quello che riguarda la tecnologia. Motociclista per passione dalle sportive alle custom passando per l'enduro, l'importante è che ci siano due ruote. Possessore di una Buell XB12S è un profondo estimatore del marchio americano.