10 dicembre 2016

Pensioni di reversibilità, la proposta del governo è una rapina

Secondo un Decreto presentato dal Governo nei giorni scorsi alla Camera, le pensioni di reversibilità saranno considerate prestazioni assistenziali e non più previdenziali. Ciò significa che quella che oggi è una prestazione previdenziale a tutti gli effetti, legata a contributi effettivamente versati, verrà trasformata in un un strumento assistenziale legato all’indice Isee e quindi al reddito familiare. Com’è noto, l’asticella dell’Isee è molto bassa (fissata spesso a redditi da fame) e per superarla, facendo saltare tutti i benefici, basta poco. Così si andrà a ridurre sensibilmente ul numero delle persone che continueranno a veder garantito questo diritto, perché di un diritto si tratta.

A essere danneggiate, com’è evidente, saranno soprattutto le donne, principali beneficiarie della prestazione.

Vedove che sarebbero doppiamente colpite, perché già oggi hanno una pensione media inferiore a quella degli uomini e, in futuro, rischiano di impoverirsi ulteriormente. Sinora, per vedove e vedovi la reversibilità costituiva una piccola certezza su cui contare. Sinora, appunto, perché, se dovesse passare così come è il Ddl del governo andrebbe a demolire un diritto individuale, che diventerebbe inaccessibile per centinaia di migliaia di soggetti: una vera e propria rapina, insomma: si vorrebbe fare cassa sulle spalle delle vedove.

L’impegno di Sinistra Italiana è finalizzato a ostacolare in tutti i modi tale provvedimento.

Alfredo Di Costanzo
About Alfredo Di Costanzo 5989 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.