Mahindra in Moto3™ con l’anima italiana

L’ultima versione della MGP3O è una moto praticamente nuova. Prodotta in Italia, correrà in Moto3™.

Mahindra Racing è l’unico costruttore indiano nel Campionato del Mondo MotoGP™ e, di recente, ha presentato il suo nuovissimo prototipo per la classe Moto3™, la MGP30. La nuova “creatura” è stata prodotta e si evolverà in Italia nella la sede europea di Mahindra Racing, a Besozzo in provincia di Varese; qui arrivano gli input del colosso motoristico indiano con varie sedi nel mondo.

L’ultimo modello di MGP3O è praticamente nuovo; con questo il costruttore indio-italiano vorrà essere competitivo nel campionato del mondo Moto3™ 2016. Le novità meccaniche si sono concentrate sul miglioramento nell’erogazione della potenza, nell’accelerazione, nella velocità di punta. Inoltre tanto è stato fatto per rendere la moto di più facile approccio rendendo agile il lavoro ai box durante l’alta pressione del weekend di gara. Un nuovo motore, un nuovo cambio e una nuova aerodinamica accompagnano varie innovazioni al telaio e alle parti elettroniche. Nuovo anche il sistema di scarico, ora doppio e sviluppato da Arrow.

La nuova Mahindra sarà usata nella competizione dal team Aspar che presenta una line up di giovani e talentuosi piloti: Francesco ‘Pecco’ Bagnaia e Jorge Martin. Tre team clienti poi metteranno in pista altre sei MGP3O: la scuderia CIP, l’Outox Resettare Drink Team e la MTA Italia.

Mufaddal Choonia, CEO di Mahindra Racing: “Abbiamo persone valide sia dentro sia fuori dalla pista e il nostro team si è rafforzato con ingegneri e tecnici preparati; abbiamo migliorato il nostro approvvigionamento, il controllo di qualità e il fornitori. Questo mix di continuità e di giovani in sella mi rende fiducioso; vedremo dei buoni risultati da parte dei nostri team e continueremo a fare passi avanti nella stagione 2016 “.

Fonte: MotoGP.com

Alfredo Di Costanzo
Informazioni su Alfredo Di Costanzo 7140 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.