4 dicembre 2016

Videolottery e giochi on line in mano a mafie, 11 arresti

L’operazione della Procura di Roma che ha portato oggi a 11 ordinanze di arresto relative ad un’organizzazione che gestiva illecitamente gran parte delle attività di videolottery e gioco on line in Italia, dimostra come sia sempre più saldo il legale tra gioco d’azzardo e criminalità organizzata.
Negli anni le mafie hanno incrementato la propria presenza nel settore del gioco – spiega il Codacons – Questo perché, mentre da un lato cresceva la febbre da gioco degli italiani, che per lotterie, slot, videopoker ecc. sono arrivati a spendere 80 miliardi di euro all’anno, dall’altro la criminalità vedeva aumentare le proprie possibilità di guadagno e l’opportunità di riciclare con facilità il denaro sporco.
L’infiltrazione delle mafie nel settore del gioco è stato facilitato e fomentato dalle libera¬lizzazioni del 2003 che, paradossalmente, avevano lo scopo di spingere i giocatori verso il gioco legale. Per tale motivo – prosegue il Codacons – riteniamo il legame tra gioco e criminalità una vera e propria emergenza nazionale che lo Stato deve combattere incrementando i controlli sul territorio, e limitando l’apertura di nuove sale, per le quali le licenze vengono concesse da comuni e questure con eccessiva facilità.

Alfredo Di Costanzo
About Alfredo Di Costanzo 5936 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.