2 dicembre 2016

Harakiri del Napoli a Bologna : sconfitta che brucia!

Il Napoli perde in malo modo ed abbandona troppo presto il comando della classifica; Bologna-Napoli rappresenta il prototipo di gara calcisticamente maledetta, nata sotto una cattiva stella che a giocarla altre 100 volte non la perderesti mai, ma quella si, perchè il destino quella mattina si è svegliato con la luna storta ed ha deciso che gli azzurri dovessero uscire sconfitti dal Dall’Ara ; ma è, anche,  una di quelle sconfitte di difficile interpretazione perchè figlia di molti padri, dove incidono tanti piccoli episodi che da soli non avrebbero la forza di determinare nulla ma messi insieme acquistano sostanza.

Analizziamone almeno un paio:  al primo posto possiamo sicuramente inserire le   vertigini da capolista , il Napoli non ha ancora il dna della primatista e con lei il buon Sarri che , probabilmente,  ha gestito la gara con un pizzico di presunzione; nel primo quarto d’ora il Napoli sembrava il miglior Barcellona per la gestione del gioco e le perfette geometrie con cui costruiva le azioni , ma son bastati due episodi casuali , il goal di Destro ed il raddoppio di Rossettini, per far perdere la testa un pò a tutti gli undici in campo! E’ lì che è mancata  la reazione rabbiosa ma lucida della squadra abituata a sopportare l’alta tensione e capace di ribaltare le situazioni più sfavorevoli;  gli azzurri si sono catapultati confusamente  in avanti facendo il gioco di un mediocre Bologna che ha messo in atto un gioco duro e a tratti intimidatorio  aiutata , occorre dirlo, anche da un troppo compiacente Mazzoleni che non ha fatto nulla per  impedirlo e che  ha atteso solo il 40′ per estrarre il cartellino giallo. Le reti di Higuain , arrivate troppo tardi,  sono servite solo a rendere meno bugiardo il risultato e la pillola meno amara da ingoiare.

Seconda causa: le scelte del trainer . Anche il buon Sarri ci ha messo un pò del suo  in primis impostando la gara in modo troppo spavaldo, quando sarebbe bastato attendere il momento giusto per colpire sapendo di avere di fronte degli avversari mediocri ed  in avanti uno come Higuain che prima o poi la palla la mette dentro e poi  mandando in campo, contro una squadra di bassa classifica,  il solito 11 titolare quando sarebbe stato, invece,  opportuno far rifiatare un bel pò di giocatori con le pile scariche. Una piccola dose di sfortuna ha fatto il resto per rendere questa domenica di S.Nicola dura da digerire. Adesso occorre dimenticare in fretta , concentrarsi sul prossimo big match con la Roma facendo tesoro di questi errori che fanno male ma aiutano, anche, a crescere in fretta.