4 dicembre 2016

Ladispoli – La favola “benedetta” della speculazione a danno della comunità

Siamo ancora una volta costretti a richiamare l’attenzione sull’Amministrazione comunale per il subdolo tentativo di FARSI GIOCO dei cittadini di Ladispoli e della loro buona fede.

Ormai tutti abbiamo capito bene, anche i cittadini del Campo Sportivo che appaiono largamente contrari a questo progetto, che la favola del “cemento utile e necessario” è una balla a cui non crede più nessuno. Una balla che continuano da decenni a propinarci i soliti politici-palazzinari di Ladispoli, con la silente complicità di tutte le forze politiche locali, alcune della quali, in contrasto con i propri principi fondanti, oggi sostengono le cementificazioni portate avanti dagli speculatori.

Sorprende come sia dato pieno appoggio alla fantomatica società Piazza Grande, senza concedere ad altri soggetti la possibilità di ulteriori proposte e progetti alternativi e senza coinvolgere veramente i cittadini. Si prosegue invece a pubblicizzare (con i nostri soldi) una colata di cemento, cercando di convincerci che si tratti di verde pubblico.

E come in tutte le favole non ci fanno mancare la parte romantica con l’intimità della consultazione ristretta a girotondo dell’area, quando sappiamo, e sanno bene anche loro, che un’opera di quella portata si ripercuoterebbe sull’intera popolazione di Ladispoli.

Invitiamo ancora una volta il nostro Sindaco a rispondere ad alcuni quesiti:

1)   In base a quali regole e criteri è stato formulato il quesito della consultazione prevista per domenica 29 novembre? Si rimane francamente sconcertati dalla faziosità con cui è stato redatto e recapitato (con indicazione di voto già espressa) insieme ad altri volantini nelle buche delle lettere dei cittadini del quartiere. Volantini ancora una volta pieni di menzogne e recanti firme differenti. Chi c’è dietro a tutto ciò? Il Comune? Il PD? La maggioranza? I costruttori? Probabilmente tutti. Il cemento, lo sappiamo, è un ottimo collante politico.

2)   Perché si è deciso di coinvolgere esclusivamente un limitato numero di cittadini e non tutta la città visto l’impatto sociale ed economico nonché ambientale che si determinerà per l’intera collettività ladispolana?

3)   Come verrà eseguita praticamente la consultazione? E’ stata stilata una lista delle persone chiamate al voto? Questa lista è di pubblico dominio? Chi controllerà che votino solo le persone effettivamente residenti e che lo spoglio avvenga correttamente? Noi torniamo a chiedere che nostri rappresentanti, come altri, possano svolgere funzione di garanzia del regolare svolgimento delle votazioni. Abbiamo già inviato richiesta in tal senso direttamente al Sindaco. Se nessun cittadino esterno all’organizzazione fosse ammesso al controllo, questa consultazione risulterà una farsa e l’Amministrazione dovrà renderne conto.

4)   Nel caso prevalesse la contrarietà al progetto, cosa farà l’Amministrazione?

Sembra scontato il ritiro del progetto della società Piazza Grande e la creazione di un nuovo progetto con la partecipazione dei cittadini. Vorremmo sentirlo dire dalla stessa Amministrazione.

Concludendo, e restando in tema di gioco, farebbe bene a tutto l’ordinamento politico-amministrativo comunale ascoltare il buon consiglio di tornare a “giocare” regolarmente la partita smettendola di curare solamente interessi di pochi e pensare maggiormente a quelli dell’intera comunità, scongiurando così l’inevitabile espulsione che solo un arbitro imparziale come un cittadino informato potrebbe decretare.

Movimento 5 Stelle – MU di Ladispoli

About Ruggero Terlizzi 2865 Articoli
Ruggero Terlizzi è il classico nerd, tecnologia, fumetti, videogames, serie tv e tutto quello che è classificabile nella categoria. È un ottimo disegnatore e ha sempre a portata di mano un taccuino dove fare qualche schizzo. Appassionato anche di auto ha tenuto la rubrica motori su Il Tabloid Motori e da settembre gestisce la rubrica Tech su Il Tabloid.it