3 dicembre 2016

Papa Bergoglio: maledetti coloro che operano per la guerra. I trafficanti di armi fanno soldi, gli operatori di pace danno vita

18/09/2013 Città del Vaticano, piazza San Pietro, udienza generale del mercoledì , nella foto papa Francesco

«La guerra – ha denunciato il Papa – è proprio la scelta per le ricchezze: Facciamo armi, così l’economia si bilancia un po’, e andiamo avanti con il nostro interesse. C’è – ha ricordato il Pontefice – una parola brutta del Signore: ‘Maledetti!. Perchè Lui ha detto: Benedetti gli operatori di pace! Questi che operano la guerra, che fanno le guerre, sono maledetti, sono delinquenti. Una guerra – ha sottolineato Papa Francesco – si può giustificare, fra virgolette, con tante, tante ragioni. Ma quando tutto il mondo, come è oggi, è in guerra, tutto il mondo!: è una guerra mondiale – a pezzi: qui, là, là, dappertutto? – non c’è giustificazione». Papa Bergoglio ha fatto questa riflessione sulla guerra nella omelia della messa del mattino a Santa Marta, di cui la Radiovaticana fornisce stralci.

«Tutto il mondo», è stato il filo conduttore della riflessione, oggi «è in guerra», per la quale «non c’è giustificazione». E il rifiuto della «strada della pace» fa si’ che Dio stesso, che Gesù stesso, piangano». Il Papa ha preso le mosse dal racconto del Vangelo in cui “Gesù si avvicina a Gerusalemme e – probabilmente da un punto sopraelevato che gliela offre alla vista – la osserva e piange, rivolgendo alla città queste parole: “Se avessi compreso anche tu, in questo giorno, quello che porta alla pace! Ma ora è stato nascosto ai tuoi occhi”.

Papa Francesco ha ripetuto una per una le stesse parole e ha aggiunto: “Ma anche oggi Gesù piange. Perché noi abbiamo preferito la strada delle guerre, la strada dell’odio, la strada delle inimicizie. Siamo vicini al Natale: ci saranno luci, ci saranno feste, alberi luminosi, anche presepi? tutto truccato: il mondo continua a fare la guerra, a fare le guerre. Il mondo non ha compreso la strada della pace».

Papa Bergoglio ha quindi ricordato le commemorazioni recenti sulla seconda guerra mondiale, le bombe di Hiroshima e Nagasaki, la sua visita a Redipuglia l’anno scorso per l’anniversario della Grande Guerra. «Stragi inutili», ha ripetuto, «dappertutto c’è la guerra, oggi, c’è l’odio», e poi ha dato voce a una domanda: «Cosa rimane di una guerra, di questa, che noi stiamo vivendo adesso?». «Cosa rimane? – si è chiesto il Pontefice – Rovine, migliaia di bambini senza educazione, tanti morti innocenti: tanti!, e tanti soldi nelle tasche dei trafficanti di armi. Una volta, Gesù ha detto: ‘Non si può servire due padroni: o Dio, o le ricchezze’. La guerra è proprio la scelta per le ricchezze: Facciamo armi, così l’economia si bilancia un po’, e andiamo avanti con il nostro interesse».

Alfredo Di Costanzo
About Alfredo Di Costanzo 5930 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.