8 dicembre 2016

Sinodo. Francesco, appelli di pace per Medio Oriente e Africa

Pope Francis smiles as he greets bishops as he arrives for a meeting with novices at the Paul VI hall, Vatican, Saturday, July 6, 2013. Pope Francis says the Catholic church needs to renew structures to accord with "the places, the times." Francis has been waging a campaign to root out corruption and power plays in the Vatican's bureaucracy and to keep sight of what is essential in the church he was elected in March to lead. The Argentine-born pontiff offered the encouragement for renewal in a homily during Mass Saturday at the Vatican City hotel where he lives. Francis told Catholics "not to be afraid of renewing some structures" to accord with "the places, the times" and the people, but he didn't specify what needed to be changed. (AP Photo/Riccardo De Luca)

Il Medio Oriente è in fiamme, lo è parte dell’Africa, e il Papa è addolorato dallo stillicidio quotidiano servito dalle cronache. Così Francesco asseconda un impulso che si traduce in un appello non insolito se non lo fosse la tribuna da cui viene levato, quella da cui un Pontefice siede e ascolta di solito in silenzio.

Scelte di pace
Prima che l’Aula del Sinodo si immerga nei lavori della quarta Congregazione generale, il Papa chiede ai padri di dedicare la preghiera dell’Ora Terza all’intenzione della riconciliazione e della pace in Medio Oriente:

“Siamo dolorosamente colpiti e seguiamo con profonda preoccupazione quanto sta avvenendo in Siria, in Iraq, a Gerusalemme e in Cisgiordania, dove assistiamo ad una escalation della violenza che coinvolge civili, innocenti e continua ad alimentare una crisi umanitaria di enormi proporzioni. La guerra porta distruzione e moltiplica le sofferenze delle popolazioni. Speranza e progresso vengono solo da scelte di pace”.

Preghiera intensa
La “geografia” del Sinodo è specchio della Chiesa universale e quello che Francesco sollecita è intanto un abbraccio a chi governa le comunità locali, che si trovano sulla linea di tiro di conflitti e terrorismo:

“Uniamoci, dunque, in una intensa e fiduciosa preghiera al Signore, una preghiera che intende essere al tempo stesso espressione di vicinanza ai fratelli patriarchi e vescovi presenti, che provengono da quelle regioni, ai loro sacerdoti e fedeli, come pure a tutti coloro che la abitano”.

La diplomazia spenga i conflitti
Ogni appello di un Papa alla pace è sempre una chiamata alla responsabilità da parte di chi indirizza o influenza, con le sue decisioni, il destino di una nazione, di un’area del pianeta. In questo caso, nel parlare ai governanti Francesco associa alla sua la voce dell’intera assemblea sinodale:

“Rivolgo, insieme al Sinodo, un accorato appello alla comunità internazionale, perché trovi il modo di aiutare efficacemente le parti interessate ad allargare i propri orizzonti al di là dei loro interessi immediati e ad usare gli strumenti del diritto internazionale, della diplomazia, per risolvere i conflitti in corso”.

Pace all’Africa
L’ultima frase di Francesco è breve e grande come un intero continente, che da secoli racconta troppe storie di miseria armata o semplicemente affamata:

“Desidero infine che associamo la nostra preghiera anche a quelle zone del continente africano, che stanno vivendo analoghe situazioni di conflitto. Per tutti interceda Maria, Madre, Regina della pace, e amorosa Madre dei suoi figli”.
(Da Radio Vaticana)

Alfredo Di Costanzo
About Alfredo Di Costanzo 5982 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.