10 dicembre 2016

Cisterna di Latina – Della Penna replica a Carturan su polemiche festa Prato Cesarino

La polemica indegna, soprattutto per un ex sindaco e un rappresentante delle istituzioni, accesa dal consigliere Mauro Carturan, merita una risposta diretta e puntuale. Non fosse altro per la correttezza e la riconoscenza che io stessa, come sindaco ma anche come cittadina di Cisterna, voglio ribadire nei confronti di chi ha lavorato alacremente e con scarse risorse per la buona riuscita della festa di Prato Cesarino.

Non una “festicciola da quattro soldi”, così come ha voluto dipingerla Carturan attraverso una improbabile quanto censurabile intervista, ma un momento di incontro che ha confermato che, a dispetto delle sue personali abitudini, la volontà di fare qualcosa di buono va oltre l’elargizione di denaro pubblico da parte di un Comune come il nostro che continua a pagare pesantemente gli sperperi provenienti anche e soprattutto dai suoi dieci anni di amministrazione. Tempi di vacche grasse, verrebbe da dire, che non esistono più e che oggi però gravano sulle tasche dei cittadini di Cisterna. Al consigliere Carturan che si permette di criticare il lavoro del comitato di Prato Cesarino, voglio dire che l’unica cosa “scolorita” che circola lungo le strade di quel bellissimo borgo è la sua personalità politica talmente offuscata da cercare visibilità attraverso sterili e becere polemiche di quartiere.

La politica con la festa di Prato Cesarino c’entra davvero poco, Carturan che tutto riconduce ad una dialettica scarna e di dubbio gusto, può stare tranquillo: i cittadini di quella zona, così come quelli di tutte le altre zone della nostra Cisterna, lo conoscono talmente bene da avergli consegnato uno scranno all’opposizione in Comune e in Provincia. Ecco, quello che mi sento di consigliare all’ex sindaco, è di utilizzare al meglio quella posizione e di farlo lasciando stare i cittadini che lavorano e che cercano, tra mille difficoltà, di rispettare e valorizzare le loro tradizioni. Se Carturan ha bisogno di sfogarsi, di parlare di politica e di amministrazione, la sottoscritta è sempre disponibile anche se fino ad oggi l’ex sindaco, dopo una serie di sceneggiate circa fantomatiche dimissioni (revocate, presentate, ritirate, riviste, ripensate), non ha dato alcun segnale di vita se non attraverso queste piccole polemiche di bassa lega.

Noi, come amministrazione, abbiamo scelto un’altra strada e i cittadini, anche quelli di Prato Cesarino, hanno compreso e apprezzato la nostra linea e per questo li ringrazio di avere organizzato una festa bellissima che continuerà ad essere un momento di incontro e di socialità per la nostra città. A Carturan, (che cita le feste di altri borghi di Latina forse ripensando alla sua candidatura a sindaco nel capoluogo nel 2011, ricordando evidentemente di essere cisternese a seconda dell’occorrenza), consiglio invece di svolgere al meglio il ruolo di oppositore e di farlo in maniera costruttiva. Se l’ex sindaco vuole invece delucidazioni sui conti dell’ente e su come le scelte delle sue amministrazioni incidano ancora sulle tasche dei cisternesi, siamo a sua completa disposizione.

La nostra idea di città e della politica, è fortunatamente diversa da quella di Carturan e, tutto sommato, non è stato difficile capirlo: è bastato guardarsi indietro.

 

About Giovanni Soldato 2969 Articoli
Giovanni Soldato, specialista della fotografia.... secondo lui, ottima penna sia in ambito sportivo ma soprattutto nell'ambito dei motori. Nato a Barberino del Mugello appena ha tempo mette le due ruote in pista. Collaboratore de Il Tabloid cura la provincia di Latina, le notizie nazionali e dall'estero.