3 dicembre 2016

Da peccatori a pescatori

L’unica liturgia celebrata da Papa Francesco in Bolivia è stata la messa di giovedì mattina, 9 luglio, nella piazza del Cristo Redentore, a Santa Cruz, per l’apertura del quinto congresso eucaristico nazionale.

Nel grande spiazzo dominato dalla colonna su cui poggia un’imponente statua di Gesù con le braccia alzate al cielo, Francesco è giunto a bordo della papamobile, che faticava ad avanzare tra la folla. Oltre due milioni di persone hanno infatti seguito l’avvenimento attraverso i 40 maxischermi collocati lungo lungo le ampie avenidas Monsignor Rivero e C. De Mendoza, che confluiscono verso lo spiazzo in cui era stato allestito l’altare. Francisco de los pobres lo slogan più ricorrente. Tra i presenti il Papa ha riconosciuto due vecchie conoscenze: dapprima una suora, che ha salutato con affetto; poi uno dei sacerdoti concelebranti.

Durante la messa votiva della Santissima Eucaristia, alla presenza del presidente Morales e di alcuni delegati ecumenici, erano molti gli elementi liturgici che richiamavano le culture locali. A cominciare dal palco papale, bellissimo nella sua semplicità, realizzato sullo stile delle missioni gesuitiche della Chiquitania, un’area a trecento chilometri di distanza da qui, abitata da sette popoli che hanno i nomi di santi cattolici.

Il Pontefice ha utilizzato un pastorale ricurvo di legno di soto, una pianta locale, su cui erano intagliati un angelo, la Madonna che scioglie i nodi, di cui è devoto, e Cristo buon pastore. Si tratta di un dono dell’arcidiocesi di Santa Cruz de la Sierra.

Il tema della vocazione è tornato nel pomeriggio quando al Coliseo Don Bosco il Papa ha incontrato i sacerdoti, religiosi e seminaristi della regione di Santa Cruz. Nella palestra della scuola gestita dai salesiani, in un clima particolarmente gioioso, Francesco ha ascoltato le testimonianze di un prete, di una suora e di un giovane seminarista, alle quali ha risposto aggiungendo molte considerazioni personali al testo del discorso già preparato. Soprattutto ha messo in guardia dall’«indifferenza dello zapping», di «chi passa e ripassa, ma mai si ferma» davanti ai problemi delle persone. È stata una vera festa, animata da canti e coreografie, con le suore più giovani a fare la “ola”, mentre altre alzavano uno striscione con su scritto: «I problemi sono temporanei, Dio è eterno».

Alfredo Di Costanzo
About Alfredo Di Costanzo 5925 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.