6 dicembre 2016

L’Esercito Italiano al Rally of Poland 2015

Il logo dell’Esercito Italiano sarà presente sulle fiancate della vettura del pilota romano Max Rendina, Campione del Mondo in carica WRC Produzione.

Roma, 26 giugno 2015 – Sarà una partecipazione d’effetto, esclusiva, quella di Max Rendina al 72° Rally of Poland, in programma dal 2 al 5 luglio, settima prova del Campionato del Mondo Rally, che disputerà con al fianco Mario Pizzuti, sulla Mitsubishi Lancer Evolution Gruppo N di Motorsportitalia.

Max RendinaCostretto a saltare l’appuntamento “di casa” del Rally d’Italia-Sardegna di quindici giorni fa a causa dei postumi dell’incidente occorso alla prova precedente in Portogallo, Rendina sarà dunque al via della gara che si svolge nella regione dei laghi, a Mikolajki, in Masuria, portando con sé una grande ventata di italianità: il logo dell’Esercito Italiano, che sarà presente sulle fiancate della Lancer Evolution “33”.

L’Esercito Italiano opera al servizio del Paese a tutto campo, sia entro i confini nazionali a sostegno della popolazione, sia all’estero nell’ambito di delicate operazioni destinate alla ricerca della pace e la libertà nel mondo. Max Rendina, con questa iniziativa sportiva a livello mondiale vuole rendere tributo ad un lavoro, spesso pagato con il dolore, che tiene alto il Tricolore italiano ed i suoi valori.

«Con tutta la sfortuna patita sinora – commenta sorridente Max Rendina – mi sono dovuto rivolgere all’Esercito, vediamo se mi riesce invertire la rotta! A parte le battute, sono veramente felice di portare con me l’immagine dell’Esercito Italiano in quest’appuntamento del WRC perché rappresenta qualcosa a me molto vicino per molte similitudini con i rallies mondiali, duri e complessi, come lo sono le difficoltà quotidiane che i nostri militari si trovano ad affrontare nel loro lavoro con i formidabili mezzi dell’Esercito».

About Emanuele Bompadre 8242 Articoli
Emanuele è un blogger appassionato di web, cucina e tutto quello che riguarda la tecnologia. Motociclista per passione dalle sportive alle custom passando per l'enduro, l'importante è che ci siano due ruote. Possessore di una Buell XB12S è un profondo estimatore del marchio americano.