Roma – Urbanistica, Caudo: “Grazie al Consiglio per l’impegno a favore della città”

[su_quote]

Case insieme ai servizi, questo è l’obiettivo che ci eravamo dati con la redazione del nuovo schema di convenzione urbanistica. Si tratta dello schema con cui si scriveranno i contratti tra amministrazione pubblica e imprese per la realizzazione dei quartieri, quelli cioè in cui si fissano i termini per il rilascio dei permessi di costruire della parte privata e quelli per la realizzazione delle opere pubbliche. Da oggi si dovranno realizzare parti intere e finite di città con tutti i servizi e le attrezzature necessarie. E anche se si userà la procedura per fasi, l’amministrazione manterrà il 20% di cubatura fino a quando non verranno ultimate tutte le urbanizzazioni. Nessuna casa potrà più essere abitata senza che ci siano le strade, le fogne, i parchi già ultimati. Abbiamo potenziato le garanzie per l’amministrazione e previsto che il presidente della commissione di collaudo delle opere pubbliche sia scelto in un elenco predisposto dall’amministrazione. Abbiamo previsto e specificato che i ribassi d’asta conseguiti negli appalti delle opere pubbliche devono essere versati all’amministrazione e non trattenuti dai privati. Abbiamo anche potenziato, a vantaggio dell’amministrazione, le garanzie finanziarie e contestualmente agevolato, come richiesto dalle associazioni di categoria, lo sblocco delle stesse quando l’opera è stata finita e realizzata. Infine una novità di rilievo a vantaggio della questione abitativa: sarà possibile realizzare edilizia convenzionata scomputando parte degli oneri senza accedere ad alcun premio di cubatura, ma restando dentro a quelle già autorizzate. Sarà possibile così orientare una parte delle previsioni edificatorie verso chi ha bisogno di una casa a un costo calmierato e non più solo verso il mercato libero. Un lavoro di squadra tra assessore e maggioranza durato molti mesi, che ha visto momenti di fermo, di confronto con le associazioni delle imprese, ma che ha portato poi a confluire tutti su un testo condiviso. È con questi strumenti che si costruisce in concreto la città e noi vogliamo farlo nell’interesse dei cittadini. L’Assemblea Capitolina ha lavorato per il bene della città e lo ha fatto approvando un provvedimento lungimirante, innovativo e condiviso. Non posso che ringraziare la presidente Baglio e con lei tutti i consiglieri che hanno dato un contributo importante, a partire da quello svolto in commissione urbanistica presieduta dal consigliere Stampete, dal capogruppo di Sel Peciola, del Pd Panecaldo e della Lista civica Luca Giansanti. Saluto inoltre con piacere le parole positive e di sostegno pronunciate in aula dagli onorevoli Cantiani e Bordoni che pur astenendosi hanno riconosciuto il lavoro che è stato fatto. Con quest’ultimo provvedimento abbiamo completato in meno di due anni la revisione di tutti i regolamenti, gli schemi di convenzione della ex legge 167, il regolamento per il calcolo del contributo straordinario, il regolamento per l’istituzione della commissione qualità edilizia e quella del paesaggio. Ora il Comune di Roma ha le carte in regola e può esercitare, nel rapporto pubblico – privato, quel ruolo di regia pubblica di cui fin dal primo giorno di questa amministrazione del sindaco Marino abbiamo detto di volerci riappropriare.

[/su_quote]

Lo dichiara in una nota l’assessore alla trasformazione urbana di Roma Capitale Giovanni Caudo

I video del giorno

Informazioni su Giovanni Soldato 3184 Articoli
Giovanni Soldato, specialista della fotografia.... secondo lui, ottima penna sia in ambito sportivo ma soprattutto nell'ambito dei motori. Nato a Barberino del Mugello appena ha tempo mette le due ruote in pista. Collaboratore de Il Tabloid cura la provincia di Latina, le notizie nazionali e dall'estero.