2 dicembre 2016

Termini – Scoperto giro di prostituzione minorile, in manette anche un prete

La Polizia di Stato ha eseguito a Roma, Rieti, Viterbo e Napoli alcuni arresti nei confronti di persone ritenute responsabili del reato di prostituzione minorile.

Le indagini, iniziate da circa una anno dal Compartimento Polizia Ferroviaria per il Lazio anche con attività di intercettazione, osservazione e di videoriprese nonchè di numerose audizioni protette, hanno permesso di accertare che la stazione Termini costituiva abituale punto d’incontro ed adescamento dei minori dediti alla prostituzione.

In nove sono finiti sotto inchiesta ma solo in otto sono finiti in carcere, un ottantenne è morto prima  di essere preso.

I rapporti sessuali venivano consumati in strutture ricettive vicine, nelle abitazioni degli indagati, in parchi cittadini, bagni pubblici o a bordo di alcuni treni in sosta lunga. I compensi variavano dai 10 ai 50 euro a prestazione.  Sono in corso attività investigative finalizzate ad identificare ulteriori soggetti, la stazione Termini era utilizzata come punto strategico  per adescare e consumare rapporti sessuali con ragazzini, maschi e femmine dai 13 ai 17 anni, per la maggior parte di etnia rom.

‘Finora abbiamo eseguito sette ordinanze di custodia cautelare su otto, visto che una persona risulta irreperibile. Una custodia cautelare in carcere e le altre ai domiciliari. Cinque persone sono state arrestate a Roma, una a Rieti e un’altra a Pavia”,afferma Emanuele Fattori, dirigente del settore operativo della polizia ferroviaria di Roma Termini.

‘Non a caso abbiamo chiamato l’operazione ‘Meeting Point’. Gli incontri – racconta Fattori – avvenivano sul lato destro della stazione, nei pressi di via Giolitti mentre i rapporti sessuali si consumavano a bordo di treni in lunga sosta, nei bagni pubblici della stazione o di esercizi commerciali ma anche in abitazioni private”. 

Anche un prete di 68 anni romano ma parroco in una parrocchia del viterbese, è stato arrestato dalla polizia ferroviaria nell’ambito delle indagini, l’uomo è stato trovato in possesso di un grosso quantitativo di materiale pedopornografico. L’uomo sarebbe stato indagato perché sospettato di essere un cliente ed al momento è stato trasferito nel carcere di Regina Coeli.

About Emanuele Bompadre 8218 Articoli
Emanuele è un blogger appassionato di web, cucina e tutto quello che riguarda la tecnologia. Motociclista per passione dalle sportive alle custom passando per l'enduro, l'importante è che ci siano due ruote. Possessore di una Buell XB12S è un profondo estimatore del marchio americano.