Rossi e Marquez riprendono il duello a Jerez

Il paddock della MotoGP™ approda sui 4,4 km del circuito di Jerez de la Frontera per il Gran Premio bwin de España, quarta prova del Campionato del Mondo MotoGP™ 2015. È la 29ª volta consecutiva che il tracciato ospita il Gran Premio motociclistico, dal suo debutto in calendario, avvenuto nel 1987.

Valentino Rossi (Movistar Yamaha) si presenta con un vantaggio di sei punti in classifica sul connazionale Andrea Dovizioso (Ducati Team) e 30 su Marc Marquez (Repsol Honda), quinto. Il duello tra Rossi e Marquez andato in scena nella precedente tappa in Argentina ha acceso gli animi degli appassionati.

L’anno scorso a Jerez, Rossi e Marquez hanno lottato nella prima parte della gara, prima che il talento di Cervera andasse a cogliere la vittoria, con il pesarese secondo e Pedrosa terzo. Quest’anno il nove-volte iridato spera di fare ancora meglio, e magari, di aggiungere un altro successo al suo già impressionante bottino di ben 6 vittorie nella sola MotoGP™. Traguardi che salgono a 8 se consideriamo le sue affermazioni anche nelle altri classi. sul circuito spagnolo. Insieme a Casey Stoner e Loris Capirossi, Valentino Rossi è uno dei 3 piloti non spagnoli a esser salito sul gradino più alto del podio nella classe regina a Jerez.

Marquez vorrà sicuramente rovinargli la festa, anche perché chiamato a ridurre il gap importante in classifica: divario che comunque non preoccupa il Campione del Mondo in carica, che recentemente ha ricordato che nel 2013 dopo 6 gare aveva lo stesso svantaggio dal suo compagno di squadra Pedrosa, e che nonostante tutto alla fine è riuscito a vincere il titolo.

Jorge Lorenzo, giù dal podio nelle prime gare della stagione, potrà fare affidamento sul pubblico di casa per cercare la vittoria che ha Jerez ha già ottenuta nelle stagioni 2010 e 2011. Attualmente quarto in classifica, 29 punti dietro Rossi ma un punto sopra Marquez, il maiorchino sa bene che dovrà iniziare a vincere, se vuole avere qualche possibilità di lottare per il suo terzo titolo nella classe regina.

Il Ducati Team spera di continuare nel suo eccellente inizio di stagione, che ha visto Andrea Dovizioso conquistare 3 secondi posti consecutivi in sella alla nuova Desmosedici GP15. Il forlivese, 5º l’anno scorso, spera di regalare alla sua squadra quella vittoria che le manca dal 2010. Il suo team-mate Andrea Iannone, a Jerez vinse invece la gara della Moto2™ nel 2011.

In Argentina Cal Crutchlow (CMW LCR Honda) ha centrato il suo primo podio della stagione, e già da questo Gran Premio di Spagna attende i primi aggiornamenti per la sua moto con specifiche factory. Il suo miglior risultato in terra andalusa è il 4º posto del 2012, mentre l’anno scorso con la Ducati fu costretto al ritiro.

Il team Suzuki Ecstar ha mostrato degli ottimi segnali di progresso in Texas quanto in Argentina, con Aleix Espargarò addirittura secondo nelle Q2 del Rio Hondo. La casa di Hamamatsu ha terminato le ultime due gare con entrambe le GSX-RR nella Top Ten e a Jerez i due piloti spagnoli potranno contare sul calore del pubblico di casa.

Dopo il ritiro in Argentina, il colombiano Yonny Hernandez (Pramac Racing) vorrà ben figurare a Jerez, circuito sul quale l’anno scorso riuscì ad andare a punti, mentre il suo compagno di squadra Danilo Petrucci vorrà lasciarsi alle spalle il brutto infortunio al polso occorsogli nella passata stagione nel corso del Warm Up.

Nella classe ‘Open’, Hector Barberà (Avintia Racing) guida la classifica provvisoria a quota 8 punti, con sole due lunghezze di vantaggio sul rookie australiano Jack Miller, miglior moto della sua categoria in Argentina.

La classe regina MotoGP™ scenderà in pista sul tracciato di Jerez venerdì alle 09:55 per la prima sessione di prove libere (FP1).

Fonte: MotoGP.com

I video del giorno

Alfredo Di Costanzo
Informazioni su Alfredo Di Costanzo 9325 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.