5 dicembre 2016

Claudio Palmulli e Simone Carabella ricevuti dall’assessore Improta

Ancora una maratona, la settima, ancora un’impresa titanica della coppia Palmulli/Carabella. Partiti ieri mattina da Genzano alla presenza del sindaco Flavio Gabbarini che ha sottolineato come siano importanti queste iniziative per l’abbattimento delle barriere architettoniche che non solo limitano la libertà dei diversamente abili, ma tutti i cittadini, i due ragazzi hanno voluto sottolineare l’importanza della mobilità per tutti.

Partiti alle 10 e 30 da Piazza Tommaso Frasconi, Claudio e Simone hanno affrontato l’intera via Appia scortati prima da una pattuglia di vigili di Genzano per poi essere presi in consegna dalla polizia municipale di Roma che li ha accompagnati per quasi l’intero tragitto passando per Via Appia Pignatelli, non senza difficoltà visti i sampietrini, fino ad arrivare al Campidoglio dove ad attenderli c’era l’Assessore Improta e il consigliere comunale Daniele Frongia oltre che ad un folto numero di “followers” che non si sono voluti perdere l’importante arrivo.

Un importante arrivo perché segna una svolta nella mobilità dei diversamente abili dopo che il Campidoglio ha annunciato l’inizio dei lavori nella metro Flaminio che finalmente renderà accessibili a tutti il centro di Roma. Inoltre c’è stato l’impegno da parte della giunta Marino di rendere l’intera rete delle metropolitane accessibile trasformando finalmente Roma in una capitale degna del suo nome e accessibile a tutti.

Un importante vittoria che ancora una volta ha dimostrato che quando c’è la volontà non esistono difficoltà, ed ottenere quello che è giusto diventa semplice anche se risultato di tanta fatica.

Questa maratona è stata per motivo prima di tutto di gioia, – dichiarano i due ragazzi- primo perché abbiamo ottenuto quello che volevamo o almeno l’inizio di quello che volevamo e cioè il centro di Roma accessibile ai disabili, e poi l’impegno della politica a voler far diventare l’intera capitale a misura di tutti. Chiaramente noi non allenteremo la presa e staremo con il fiato sul collo alla giunta perché non volgiamo abbassare la guardia e non vogliamo che sia la politica a farlo.”

Alla domanda se correranno ancora: “Ovviamente continueremo a correre ogni volta che ci sarà qualcosa che non va noi focalizzeremo l’attenzione su di noi e su come molte persone sono limitate nel muoversi. Finché tutti i cittadini non siano liberi di andare da una parte all’altra della città noi correremo,  quello che facciamo per noi è diventata una missione.”

Non rimane che togliersi il cappello e stringere la mano a questi due ragazzi che hanno fatto della libertà il loro credo.

[flickr_set id="72157652104239636"]
About Emanuele Bompadre 8230 Articoli
Emanuele è un blogger appassionato di web, cucina e tutto quello che riguarda la tecnologia. Motociclista per passione dalle sportive alle custom passando per l'enduro, l'importante è che ci siano due ruote. Possessore di una Buell XB12S è un profondo estimatore del marchio americano.