7 dicembre 2016

VII Municipio – Rimandata la riqualificazione delle periferie, il PD non si presenta in consiglio

[quote font=”0″ arrow=”yes”]

La maggioranza del PD (tranne i consiglieri Poli e Carrus) non si presentano in Consiglio contribuendo a non raggiungere il numero legale per aprire la seduta.

Oggi si discuteva la risoluzione sull’annoso problema dei Consorzi Opere a Scomputo, nati con la legge n. 724 del 23/12/1994 (c.d. secondo condono edilizio) per agevolare la riqualificazione delle periferie, garantendo l’unitarietà, il coordinamento nella realizzazione degli interventi e la rappresentanza dei cittadini nei confronti del Comune. All’interno di detti consorzi sono confluiti, negli anni, gli oneri concessori (soldi pubblici) di coloro che hanno aderito al condono edilizio e, in seguito, anche quelli relativi alle nuove edificazioni con i quali si sarebbero dovute realizzare le opere pubbliche primarie indispensabili per la riqualificazione delle cosiddette zone O (ex abusive). Ma dopo tanti anni le opere realizzate sono poche e non sempre collaudate, i fondi sono ancora nelle casse dei consorzi e le periferie sempre più degradate. Con la risoluzione si chiedeva maggiore trasparenza nella gestione dei soldi pubblici confluiti nelle casse dei consorzi e l’emanazione di un’apposita deliberazione che ridisciplini e aggiorni l’intera materia. Ma i “paladini dell’ingiustizia” oggi non si presentano in aula e a rimetterci sono sempre e solo i cittadini. I cittadini delle periferie ormai allo sbando, cittadini di “serie B” che vengono presi in considerazione dalla politica solo in campagna elettorale, quei cittadini che pur pagando le tasse come tutti gli altri vengono umiliati e feriti nella dignità di uomini dalle sconsiderate azioni politiche volte a tutelare i soliti noti e ad abbandonare gli onesti.

Ma ora è arrivato il momento di dire basta a tutti coloro che si riempiono la bocca di legalità e trasparenza ma che quando arriva il momento di mettere in pratica tante belle parole sono latitanti e si comportano come “soldatini ammaestrati” che giocano a fare i consiglieri. Il Consiglio del VII Municipio ha oggi perso l’occasione di dimostrare ai suoi cittadini che ha veramente a cuore l’interesse del territorio e dei suoi abitanti, confermando il sospetto di molti che ci si muove soltanto per tutelare gli interessi di pochi.

[/quote]

La capogruppo del m5s del VII Municipio di Roma

Cons. Monica Lozzi

Riceviamo e pubblichiamo