Una buona notizia: Fitch boccia la manovra!



Fitch boccia la manovra del governo gialloverde guidato da Giuseppe Conte. Per l’agenzia di raiting (valutazione) che ha sede a New York e a Londra, la manovra comporta dei “rischi consistenti” per l’Italia.
Diamo, per ipotesi, che Fitch abbia ragione; orbene ma di quale Italia parla Fitch?
Quella dei 12 milioni di italiani che non possono permettersi le cure mediche essenziali?
Quella dei disoccupati che neanche più sono alla ricerca del lavoro?
Quella dei 2,5 milioni di connazionali che sono costretti a chiedere quotidianamente aiuto per mangiare?
Quella dei pensionati che percepiscono, dopo una vita di lavoro, una pensione di ben 500 euro?
No, a Fitch di questi italiani non gliene frega nulla. Per quelli come Fitch contano i conti; meno spendi e meno rischi. Vabbè se si tratta di spendere 20 miliardi degli italiani, di tutti gli italiani, per salvare le banche, quella è una spesa benedetta.
Se, però, si vuol spendere per aumentare l’assegno delle pensioni minime, per eliminare l’orrore degli esodati creati dalla lacrimosa Fornero, e per il reddito di cittadinanza (informatevi bene in merito), orbene, queste sono spese da evitare.
Avete capito bene: per la prima volta, dopo decenni, un governo non pensa esclusivamente alle banche ed ai finanzieri, ma ha a cuore la lotta alla povertà ed alla disoccupazione (avete idea di quanti posti di lavoro si creerebbero con l’applicazione della quota 100 per andare in pensione e con la rimozione del divieto del turn over?) e cosa dicono le agenzia di raiting e personaggi come Jean-Claude Juncker e Pierre Moscovici? No, non va bene.
La cosa ancora più triste, nonché vergognosa, è che ci sono italiani che tifano per l’impennata dello spread e che sposano la linea Fitch-Juncker.
Per intenderci quei politici e quei concittadini che hanno letteralmente affamato ed affossato milioni di connazionali. Una marmaglia che quando le varie MPS e Banca Popolare dell’Etruria e del Lazio hanno sodomizzato i risparmiatori che hanno doto loro fiducia, non hanno speso una parola che sia una. Di solito chi tace o acconsente o è complice, giusto? Ah, questi strani tifosi si definiscono di sinistra…La sinistra, abbiano bontà, è un’altra cosa!
Sulle agenzia di raiting, Fitch compresa, concludo, con il ricordare che queste hanno consigliato l’acquisto dei titoli della Parmalat e della Lehman Brothers, floride società che sappiamo tutti la fine che hanno fatto.
Continuate così cari Di Maio, Conte e Salvini; la strada intrapresa è quella giusta.

Alfredo Di Costanzo
Informazioni su Alfredo Di Costanzo 12115 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.