MotoGp, Austria: la conferenza stampa

Inizia il GP d’Austria e la consueta conferenza stampa del giovedì apre l’undicesima prova stagionale. Il Red Bull Ring, veloce pista di Spielberg dove si è tornato a correre dalla scorsa stagione, attende le tre classi del Campionato del Mondo MotoGP™. La massima cilindrata è protagonista dell’appuntamento con i media e, a rispondere alle domande dei giornalisti, Marc Marquez e Dani Pedrosa (Repsol Honda), Maverick Viñales e Valentino Rossi (Movistar Yamaha MotoGP), Cal Crutchlow (LCR Honda) e Pol Espargaro (Red Bull KTM Factory Racing).

Dopo l’incertezza del cielo e la gara con cambio di moto in Repubblica Ceca, si preannuncia un altro fine settimana dalle condizioni climatiche mutevoli. Il giovedì in Stiria è all’insegna della pioggia e del freddo. Tra i temi toccati la procedura del flag-to-flag decisiva nel precedente GP, le varie soluzioni aerodinamiche viste anche nei test del lunedì dopo il GP in Moravia e le caratteristiche del tracciato austriaco.

È proprio il campione del mondo in carica e leader della classifica generale a parlare per primo. “Abbiamo fatto delle buone prove in Repubblica Ceca e ora vediamo come potremo lavorare qui”. Dice Marquez.

“L’anno scorso ho fatto fatica su questa pista ma quest’anno siamo migliorati e cercheremo di trovare il giusto set up per domenica”. Termina il numero 93 che a Brno ha vinto grazie ad un gioco di squadra perfetto. “Il Red Bull Ring è un circuito particolare, fatto frenate, accelerazioni e parti veloci; bisognerà anche trovare il corretto bilanciamento; lotteremo per il podio e magari per la vittoria”.

A Brno i piloti Yamaha ufficiali hanno salvato quella che avrebbe potuto essere una domenica da dimenticare: dopo un grande recupero dal basso gruppo (posizione arrivata successivamente al cambio di moto) Viñales e Rossi hanno chiuso come terzo e quarto.

 “La pista mi piace e in Moravia ho ritrovato le miglior sensazioni”. Afferma il numero 25, ora secondo in classifica generale. Come il compagno di box, nel lunedì di prove, Viñales ha testato la nuova carenatura aerodinamica. Ora afferma: “Non la userò qui. Necessito di altri test per avere una visione più chiara”.

Termina commentando il meteo. “Il tempo è instabile, dovremo essere pronti ad ogni situazione, il primo obiettivo è fare bene nelle libere per entrare tranquilli in Q2”.

Rossi è stato protagonista assoluto dei test del lunedì; autore del miglior giro, il nove volte campione si trova in un ottimo stato di forma e le novità tecniche messe in pista da Yamaha soddisfano il Dottore.

“Questo è un circuito abbastanza diverso dagli altri, veloce e con poche curve. Dovremo essere pronti ad ogni condizione meteo”. Commentando la nuova carena. “Ora vedremo se usarla o meno, non credo sia la pista giusta, ci penseremo un po’ prima di portarlo in gara”.

A Brno Pedrosa è salito sul podio al secondo posto, per il numero 26 HRC un’ottima stagione e la quinta piazza in classifica. “Nelle gare scorse abbiamo lavorato bene, lo faremo anche qui dove nel 2016 abbiamo faticato”. Dice il catalano. “Sarà importante trovare il giusto set up per essere pronti domenica e dovremo concentrarci in particolare sull’accelerazione”.

Pedrosa ha parlato anche di una proposta che sarà trattata il giorno seguente nella Safety Commision: agevolare la procedura del flag-to-flag ‘allargando’ i box della classe regina e ponendo tra due della MotoGP™ uno delle classi minori. Un modo per avere più spazio nel cambio di moto.

Fonte: motogp.com

(Visited 12 times, 1 visits today)

Alfredo Di Costanzo
Informazioni su Alfredo Di Costanzo 9860 Articoli

Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell’universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E’ per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*