Sala Ichòs presenta la stagione teatrale 2017

Dopo il successo di pubblico ottenuto con gli spettacoli del Progetto Ruccello 1956 – 1986 – 2016, a gennaio parte ufficialmente la stagione teatrale di Sala Ichòs (via Principe di Sannicandro – San Giovanni a Teduccio) con uno sguardo rivolto alle compagnie provenienti da tutta Italia.

Protagonisti della stagione sono: Fortebraccio Teatro, Leviedelfool, Teatro KappaO, quotidiana.com, Piccola Compagnia della Magnolia, Teatro dei Topi, Ilinx Teatro, Compagnia TeatRing, Gabriella Aiello, Angela Di Maso, Massimo Finelli.

 

Ecco cosa andrà in scena nel 2017 per la nuova Stagione di Sala Ichòs: Il nuovo dei Ritorni. Il nuovo dei Nuovi

 

Il primo spettacolo è Opera senza corpo – Insania della radice, adattamento del Macbeth di Teatro KO (6 7 8 gennaio) che dà un Ritorno a Compagnie che hanno già calcato più volte il nostro palco per scoprire e condividere i loro nuovi lavori e le loro nuove direzioni.

Subito dopo, 13 – 14 – 15 gennaio, c’è un Ritorno molto atteso perché ha fatto parte in qualche modo del Tempo e della Storia di Sala Ichòs: Fortebraccio Teatro. Quest’anno la compagnia porta in scena segmenti del più ampio progetto teatrale Metamorfosi, dove operano due Premi UBU: Roberto Latini e Gianluca Misiti (quest’ultimo tra i finalisti anche del 2016 nella categoria “Progetto sonoro o musiche originali” per Amleto + Die Fortinbrasmachine).

È poi la volta di Massimo Finelli, regista e attore, e Angela Di Maso, drammaturga e regista, quattro ruoli per due messe in scena sull’incarnazione contemporanea dell’Homo Sacer (colui che possiede solo la propria nuda vita): 21 e 22 gennaio Il catalogo di Angela Di Maso; 27 – 28 – 29 gennaio I ciechi adattamento dall’originale di Maeterlinck.

Dal 3 al 5 febbraio Teatro dei Topi approda per la prima volta sul nostro palco  con il testo Non mi vestivano mai di rosa di Giulia Lombezzi, molto apprezzata la stagione scorsa con Quater – Diario di un’ape operaia di cui era autrice e protagonista.

Anche la Piccola Compagnia della Magnolia arriva per la prima volta a Sala Ichòs proponendo il racconto di due Biografie: Zelda l’11 e 12 febbraio e Adagio Nureyev dal 17 al 19 febbraio.

Dal 24 al 26 febbraio quotidiana.com porta in scena l’ultimo spettacolo del progetto presentato l’anno scorso “Tutto è bene quel che finisce” con il terzo capitolo Lei è Gesù.

Dal 3 al 5 marzo torna la compagnia ILINX con Volo di notte – l’uomo alla sfida del progresso, drammaturgia di Michela Mastroianni e regia di Renzo Francabandera e la stessa Michela.

Dal 10 al 12 marzo Gabriella Aiello propone i canti della nostra tradizione orale con il concerto Canti e Discanti ed uno stage dedicato allo stesso tema.

La compagnia Leviedelfool è un nuovo e atteso ospite del nostro spazio teatrale, che è in scena con due spettacoli: dal 17 al 19 marzo in scena Requiem For Pinocchio e dal 24 al 26 marzo Luna Park – Do you want a cracker?

Infine, il 31 marzo, 1 – 2 aprile ci sarà la compagnia TeatRing con MattaTTori – l’Italia di Magnani e Gassman, che con queste Bio-Grafie di scena sembra riallacciarsi al nostro discorso legato al Progetto Ruccello, alla Morte intesa come Vita lasciata sul campo che ancora sgorga di sangue e di linfa.

 

 

Ad aprile 2017 probabile appendice di stagione: Il nuovo che tenta di dirsi.

 

Prevista la nuova produzione Ichòs Zoe Teatro Antigone, e una proposta a cura degli Ibridi, Divagando su Pasolini, drammaturgia di Ciro D’Alessio, regia di Rosario Morra

 

 

 

Sala Ichòs

Via Principe di Sannicandro 32/A – San Giovanni a Teduccio (NA)

Fermata metro linea 2: San Giovanni – Barra

Lo spazio è dotato di ampio e gratuito parcheggio

Info e prenotazioni: 335 765 2524 – 335 7675 152 – 081275945 (dal lunedì al sabato dalle 16 alle 20 – domenica dalle 10 alle 17)

Orari spettacoli: venerdì e sabato ore 21; domenica ore 19

Alfredo Di Costanzo
Informazioni su Alfredo Di Costanzo 10124 Articoli

Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell’universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E’ per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*