Gaza, gli Usa valutano sanzioni contro i membri della Corte penale dell’Aia

epa11164479 Israeli prime minister Benjamin Netanyahu attends the annual Conference of Presidents of Major American Jewish Organizations event in Jerusalem, 18 February 2024. EPA/ABIR SULTAN ANP special assignment



Il premier Netanyahu in queste ore è alle prese con la possibilità che la Corte penale internazionale (Cpi) emetta un mandato d’arresto contro di lui, il ministro della Difesa Yoav Gallant e il capo di Stato maggiore Herzi Halevi per possibili crimini di guerra, crimini contro l’umanità e crimini di genocidio a Gaza, vale a dire le fattispecie di reati su cui la Cpi ha il mandato a indagare.
La testata Axios riferisce, citando due alti funzionari israeliani, che domenica scorsa Netanyahu avrebbe telefonato al presidente Joe Biden per chiedergli di aiutarlo a fermare l’azione giudiziaria della Corte dell’Aia. Ancora Axios fa sapere che membri del Congresso di entrambi i partiti americani stanno valutando misure da intraprendere contro la Cpi: il presidente della commissione Esteri della Camera Michael McCaul ha detto che potrebbe arrivare un disegno di legge per sanzionare i funzionari della Corte penale con sede in Olanda. “Speriamo che non si arrivi a questo”, ha detto.

Atto vergognoso

Tali mandati d’arresto sarebbero un atto “vergognoso, infondato e illegittimo” secondo il presidente della Camera Mike Johnson, convinto che “potrebbero minare direttamente gli interessi di sicurezza nazionale degli Stati Uniti: se incontrastata dall’amministrazione Biden, la Corte penale internazionale potrebbe assumere un potere senza precedenti per emettere mandati di arresto contro leader politici americani, diplomatici americani e personale militare americano, mettendo così in pericolo l’autorità sovrana del nostro Paese”.

Ad oggi, gli Stati Uniti hanno scoraggiato la Cpi a proseguire la sua azione, nonostante la Corte internazionale di giustizia (Icj) abbia ritenute plausibili le accuse di genocidio a Gaza presentate dal Sudafrica contro Israele, sostenendo che eventuali mandati di arresto faranno “naufragare i colloqui sul cessate il fuoco”. Stati Uniti e Israele sono tra i paesi – come con Russia, Cina e Sudan – che non riconoscono la Cpi e non hanno ratificato lo Statuto di Roma che la istituisice.

Fonte: agenzia dire

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Gaza, gli Usa valutano sanzioni contro i membri della Corte penale dell’Aia

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Informazioni su Alfredo Di Costanzo 28527 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.