Fratoianni: “La sicurezza è importante e tutti devono poter tornare a casa”

fratoianni



“Un caso così va trattato come un omicidio, come quello di mia figlia, come quello alle ferrovie di Brandizzo. Sono morti annunciate e, tra virgolette, volute. La sicurezza è importante e tutti devono poter tornare a casa”.

Tragedia Firenze

Su Repubblica oggi ho letto queste e altre parole di Emma Marrazzo, madre di Luana D’Orazio, morta sul lavoro a 22 anni. Il caso di cui parla è ovviamente la tragedia di Firenze, in cui hanno perso la vita 5 lavoratori.
Le parole della signora Marrazzo meritano rispetto, non solo perché a parlare è una mamma che ha subito un lutto grave; ma perché sono parole di buon senso nell’Italia dei tre morti al giorno sul lavoro.
Credo servano risposte immediate.

Già tre anni fa avevamo presentato proposte chiare sul tema sicurezza e dignità, ci riproviamo

Presenteremo nei prossimi giorni una proposta di legge semplice per introdurre il reato di omicidio sul lavoro.
E per stabilire un principio altrettanto semplice: stesso lavoro, stessi diritti, stesse tutele, stessa paga.
Un intervento necessario per intervenire sulla catena infernale di appalti e subappalti che ha fino ad oggi ingrossato le tasche delle grandi aziende e ingoiato un sacco di vite di lavoratori.
Vediamo se dagli altri partiti, oltre il cordoglio, arriva qualche atto concreto.

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Fratoianni: "La sicurezza è importante e tutti devono poter tornare a casa"

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Informazioni su Alfredo Di Costanzo 28219 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.