Il Papa: “In un mondo sempre più virtuale, prendiamoci cura degli altri con gesti concreti”

papa



“Ecco lo stile di Gesù con chi soffre: poche parole e fatti concreti”: è il commento di Francesco al brano del Vangelo di questa domenica che racconta l’incontro di Gesù con un lebbroso. Ricorre oggi la Giornata mondiale del malato. Nonostante la pioggia, in Piazza San Pietro ci sono circa 20 mila fedeli e pellegrini.

Riflessione

Nella sua riflessione all’Angelus, che segue la Messa presieduta in San Pietro con il rito di canonizzazione di María Antonia de San José de Paz y Figueroa, nota come Mama Antula, il Papa fa notare che l’evangelista Marco riporta le poche parole pronunciate dal Maestro a chi gli chiedeva la guarigione: “Lo voglio, sii purificato!” e prosegue:

Sempre fa così: parla poco e alle parole fa seguire prontamente le azioni: in questo caso si china, prende per mano, risana. Non indugia in discorsi o interrogatori, tanto meno in pietismi e sentimentalismi. Dimostra piuttosto il pudore delicato di chi ascolta attentamente e agisce con sollecitudine, preferibilmente senza dare nell’occhio.

Concretezza in un mondo di relazioni virtuali

Papa Francesco fa notare che a volte ritroviamo il modo di amare di Gesù in quelle persone che si dimostrano “sobrie di parole, ma generose nell’agire”, che non si mettono in mostra, ma si rendono subito disponibili all’ascolto. Persone a cui si può chiedere aiuto con la fiducia di sentirsi rispondere “sono qui per te, per aiutarti!”. Il Papa afferma:

Questa concretezza è tanto più importante in un mondo, come il nostro, in cui sembra farsi sempre più strada una evanescente virtualità delle relazioni.

Presenza e tempo, non solo selfie e messaggini

Di fronte ad un fratello, ad una sorella nudi o affamati che chiedono soccorso non ci si può limitare a pronunciare frasi vuote e astratte senza agire, ribadisce il Pontefice, e gli strumenti attuali della comunicazione sono utili ma non bastano, perché non possono sostituire la “presenza concreta”.

L’amore ha bisogno di concretezza, – l’amore che non è concreto non è forte – l’amore ha bisogno di presenza, di incontro, ha bisogno di tempo e spazio donati: non può ridursi a belle parole, a immagini su uno schermo, a selfie di un momento o a messaggini frettolosi.

Fonte: vaticannews.it

 

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Il Papa: "In un mondo sempre più virtuale, prendiamoci cura degli altri con gesti concreti"

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Informazioni su Alfredo Di Costanzo 28219 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.