Gaza, raid di Israele contro l’ospedale indonesiano: almeno 12 vittime

israele



Almeno 12 persone, tra le quali medici e pazienti, sono state uccise in raid dell’esercito di Israele contro l’Ospedale indonesiano nel nord della Striscia di Gaza: lo hanno riferito oggi responsabili del locale ministero della Sanità. Secondo fonti concordanti, rilanciate anche dall’emittente Al Jazeera, carri armati delle forze di Tel Aviv hanno circondato la struttura. Il conflitto in Medio Oriente è oggi al centro di un vertice a Pechino al quale stanno partecipando dirigenti di Arabia Saudita, Giordania, Egitto, Indonesia, Autorità nazionale palestinese (Anp) e Organizzazione per la cooperazione islamica.

Fine alla presenza del popolo palestinese

Durante l’incontro il ministro degli Esteri dell’Anp, Riyad al-Maliki, ha detto che Israele “sta cercando di porre fine alla presenza del popolo palestinese su ciò che rimane delle sua terra storica”.
Il governo e l’esercito di Tel Aviv hanno motivato l’offensiva con la necessità di smantellare le basi di Hamas, l’organizzazione che ha rivendicato gli assalti e i sequestri di persone del 7 ottobre nel sud di Israele. Video che mostrerebbero ostaggi condotti nell’Ospedale Al-Shifa, il principale di Gaza, bombardato e occupato da Tel Aviv, sono stati diffusi oggi.

Stando alla tesi israeliana, una soldatessa catturata da un commando di Hamas sarebbe stata uccisa all’interno della struttura. Secondo il ministero della Sanità di Gaza, l’offensiva di Tel Aviv nella Striscia ha provocato oltre 11mila morti. Milleduecento, secondo le stime israeliane, le vittime degli assalti dei commando di Hamas del 7 ottobre.

Fonte: agenzia dire

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Gaza, raid di Israele contro l’ospedale indonesiano: almeno 12 vittime

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Informazioni su Alfredo Di Costanzo 28527 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.