Il Papa: “Siamo tutti chiamati ad accogliere e integrare quanti bussano alle nostre porte”

papa



Migrare dovrebbe essere una scelta libera, mai l’unica possibile. Francesco torna a parlare della tragedia che i migranti sono costretti a vivere: l’obbligo di dover lasciare il proprio Paese, “mentre dovrebbe esistere un diritto a non migrare per rimanere nella propria terra”. Il suo appello, seguito alla preghiera dell’Angelus, fa riferimento all’odierna Giornata Mondiale del Migrante e del Rifugiato, dal tema “Liberi di scegliere se emigrare o restare”.

È necessario che ad ogni uomo e ogni donna venga garantita la possibilità di vivere una vita degna nella società in cui si trova. Purtroppo miseria, guerra e crisi climatica costringono tante persone a fuggire. Perciò siamo tutti chiamati a creare comunità pronte e aperte, ad accogliere, promuovere, accompagnare e integrare quanti bussano alle nostre porte.

Il ringraziamento alla Cei

Il Papa, rientrato ieri sera da Marsiglia, parla della sua partecipazione alla sessione conclusiva dei Rencontres Méditerranéennes, svoltisi nella città francese, “crocevia di popoli e culture” come la definisce Francesco, che rivolge un particolare ringraziamento alla Cei e al suo segretario generale monsignor Giuseppe Baturi

Ringrazio in modo speciale i vescovi della Conferenza Episcopale Italiana che fanno di tutto per aiutare i nostri fratelli e sorelle migranti. Abbiamo sentito da poco monsignor Baturi in televisione nel programma ‘A sua immagine’ che si ispira a questo.

Preghiere per la martoriata Ucraina

Il Pontefice invita poi alla partecipazione alla veglia ecumenica del prossimo sabato 30 settembre, in piazza San Pietro, intitolata “Together – Insieme”, “in preparazione all’Assemblea sinodale che inizierà il 4 ottobre” e, in conclusione, va ancora una volta con il pensiero alla “martoriata Ucraina”, chiedendo di pregare “per questo popolo che soffre tanto”.

Fonte: vaticannews.it

 

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Il Papa: "Siamo tutti chiamati ad accogliere e integrare quanti bussano alle nostre porte"

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Informazioni su Alfredo Di Costanzo 27832 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.